Home Esteri Quasi la metà dei membri del Tory non vorrebbe un Primo Ministro Musulmano
Quasi la metà dei membri del Tory non vorrebbe un Primo Ministro Musulmano
0

Quasi la metà dei membri del Tory non vorrebbe un Primo Ministro Musulmano

0

Quasi la metà dei membri conservatori del partito preferirebbero non avere un primo ministro musulmano.Questo è l’esitodi un’indagine interna al partito sulla dimensione dell’islamofobia.

Il sondaggio, condotto da YouGov per il gruppo antirazzista Hope Not Hate, ha anche scoperto che più di due terzi dei membri del Tory credono che le parti del Regno Unito siano soggette alla legge della Sharia e il 45% pensa che alcune aree non siano sicure per i non musulmani.

La metà dei membri del partito pensa che l’islamofobia sia un grosso problema, ma solo l’8% crede che sia un problema all’interno del partito, secondo il sondaggio.

Degli 864 membri conservatori, che hanno partecipato all’indagine online, il 39% ha affermato di essere d’accordo sul fatto che “i terroristi islamici riflettono una diffusa ostilità nei confronti della Gran Bretagna tra la comunità musulmana”, e il 40% pensa che dovrebbe esserciuna riduzione del numero di musulmani che entrano nel Paese.

La base associativa del partito, che si ritiene essere di circa 160.000 persone, voterà in una votazione per la leadership per scegliere il prossimo primo ministro britannico nelle prossime settimane.

Il mese scorso, il Consiglio musulmano della Gran Bretagna ha presentato 20 pagine di prove alla Commissione per l’uguaglianza ed i diritti umani, chiedendo un’inchiesta sull’islamofobia nel partito, con il collega tory, Sayeeda Warsi, che ha definito il problema “istituzionale”.

È stato anche affermato che il presidente del partito, Brandon Lewis, ha ignorato le richieste di indagare su incidenti razzisti e islamofobici, riferiti da alcuni membri del medesimo partito.

Hope Not Hate ha scritto una lettera aperta a Boris Johnson e Jeremy Hunt, chiedendo loro di riconoscere pubblicamente il problema dell’islamofobia all’interno del partito e di impegnarsi ad affrontarlo, se eletti. Vogliono anche vedere un organismo indipendente istituito per indagare sul problema, nonché il partito impegnarsi in una definizione consolidata di islamofobia.

Entrambi i contendenti alla leadership dei Tory sembrano appoggiare un’inchiesta indipendente, quando sono stati sfidati da Sajid Javid durante un dibattito televisivo in diretta la scorsa settimana. Tuttavia, Johnson non è riuscito a ritrattare i commenti che ha fatto sulle donne in burqa, che sembrano “cassette delle lettere” e “rapinatori di banche”.
In conclusione, il sondaggio YouGov ha rilevato che il 76% dei membri pensa che il partito stia già facendo “tutto ciò che può ragionevolmente” per combattere l’islamofobia ed il razzismo, e solo il 15% ritiene che dovrebbe fare di più.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Daily Muslim, parte la sezione “Finanza Islamica”

Partirà martedì 23 giugno, all’interno del nostro giornale, la sezione dedicata all’economia e alla finanza islamica. Si parlerà di notizie provenienti da tutto il mondo sul settore Economico, commercio, Import-Export, Halal, Travel e Finanza Islamica, sotto la nuova sezione dedicata “Finanza islamica”.

Dubai, Nuova legge sugli alcolici

E’ della scorsa settimana, la nuova legge nel regno degli Emirati Arabi Uniti, che disciplina il consumo e l’acquisto degli alcolici all’interno del paese. Esso è consentito solo ai turisti che ne fanno espressamente richiesta una volta scesi all’aeroporto, i quali riceveranno una card che li abiliterà agli acquisti solo in determinati negozi fuori dagli […]

Pakistani e cinesi, sono le comunità che hanno più scambi lavorativi nel nostro Paese

Secondo i dati dell’Associazione Nazionale Italia Pakistan, le due comunità che più collaborano lavorativamente parlando, tra loro, nel nostro paese, sono i cittadini di origine pakistana e cinese. Infatti non è difficile vedere, sopratutto al centro sud, attività commerciali gestite da cinesi, ma con dipendenti pakistani. Principalmente sono attività di abbigliamento, oggettistica, bigiotteria e ristoranti, […]

Mercato mondiale del turismo in Medio Oriente, previsto un aumento tra il 6% e l’8% entro il 2030

L’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) prevede che gli arrivi di turisti internazionali raggiungeranno 1,8 miliardi di persone all’anno entro il 2030. A quel punto, secondo un’indagine del dipartimento di intelligence del mercato della Camera di commercio Arabo-Brasiliana, la quota di mercato del Medio Oriente dovrebbe passare dal 6% all’8%, quindi a circa 150 milioni di […]

Malesia, gli esperti consigliano un supporto spirituale musulmano all’interno degli ospedali

Il medico che ha istituito una delle prime “cappellanie musulmane” e di altre religioni in un ospedale malese ha invitato i fornitori di servizi sanitari in tutto il paese ad adottare un simile sistema di sostegno spirituale. Il suo invito richiama un suggerimento fatto di recente da uno dei principali pensatori della finanza islamica del […]

Il nuovo mercato HalalHoliday cattura gli agenti di viaggio digitali offline

I viaggi per i musulmani hanno una nuova piattaforma di prenotazione online con il lancio giovedì di HalalHoliday a Kuala Lumpur. Ma, a differenza della maggior parte degli altri servizi digitali, questa soluzione unisce la tecnologia con il commercio di viaggi offline. Il sito è stato fondato da Ab Rahman Mohd Ali, dirigente di una […]

India/Pakistan: progressi positivi del Pakistan, in un meeting in India

Il secondo turno di colloqui tra Pakistan e India sul corridoio di Kartarpur, un passaggio di confine chiave per pellegrini sikh, si è concluso domenica con sviluppi positivi, hanno dichiarato funzionari pakistani. Il secondo round di colloqui tra il Pakistan e i funzionari indiani si è tenuto domenica al confine di Wagah. La delegazione pakistana […]