Home Attualità Con il nuovo leader, IHAF di Dubai vuole sviluppare standard halal ISO
Con il nuovo leader, IHAF di Dubai vuole sviluppare standard halal  ISO

Con il nuovo leader, IHAF di Dubai vuole sviluppare standard halal ISO

0

Con il nuovo leader, IHAF di Dubai vuole sviluppare standard halal ISO.

L’International Halal Accreditation Forum (IHAF) ha un nuovo leader e vuole che l’ente con sede a Dubai contribuisca a facilitare lo sviluppo di standard halal a livello ISO. La dottoressa Rehab Faraj Al Ameri ha dichiarato a Salaam Gateway che questa obiettivo si realizzerà lavorando a stretto contatto con gli organismi di accreditamento dei membri e con le parti interessate, quali valutatori ed esperti tecnici. Il predecessore di Al Ameri e il primo segretario generale dell’IHAF, Mohamed Saleh Badri, le hanno lasciato un’organizzazione pronta per la crescita. “In meno di tre anni, siamo stati in grado di avere 35 membri, la maggior parte dei quali provenienti da paesi non musulmani. Si tratta di un risultato enorme in un lasso di tempo limitato, che tiene conto della natura frammentata del mercato “, ha dichiarato Al Ameri, che è anche direttore del National Accreditation System (NAS) presso l’Autorità Emirates per la standardizzazione e metrologia (ESMA). IHAF è stata fondata dal Dubai Islamic Economy Development Center (DIEDC) e dall’ESMA nel 2016 per armonizzare le pratiche di accreditamento nel settore halal. L’obiettivo di Badri e IHAF nei primi anni era quello di riunire gli organismi di accreditamento dei principali paesi che forniscono cibo halal.

IHAF ha capito che questo doveva essere fatto perché mentre gli standard halal sono fissati dalle autorità musulmane e islamiche in paesi come la Malesia, l’Indonesia e l’Arabia Saudita, la maggior parte degli alimenti halal proviene da paesi non musulmani.

Badri ha sottolineato in un’intervista con Salaam Gateway, nell’aprile 2017, che l’esclusione dei paesi non musulmani dal processo di supervisione halal non è realistico. Ha aggiunto poi che IHAF voleva “attrarre i grandi attori per halal, e in particolare i paesi che producono halal per assicurare che la fonte dei prodotti sia controllata e verificata”.

Oggi, al di là del gruppo principale di membri che comprende organismi di accreditamento provenienti da Brasile, Nuova Zelanda, Australia, India e Thailandia, i nuovi membri sono l’ente nazionale di accreditamento dell’Indonesia (KAN), il servizio di accreditamento federale russo, il Centro nazionale di accreditamento (NAC- Turchia) e l’ente nazionale di accreditamento della Colombia (ONAC).

Badri ha anche inserito IHAF come membro di gruppi industriali internazionali. È membro della International Laboratory Accreditation Cooperation (ILAC) e dell’International Accreditation Forum (IAF) e ha firmato un Protocollo d’intesa tripartito con entrambi gli organismi nell’ottobre 2018 a Singapore.

La collaborazione dell’organizzazione con IAF e ILAC rappresenta una pietra miliare significativa in quanto dovrebbe aprire nuove porte al movimento commerciale globale e garantire il passaggio senza interruzioni di prodotti e servizi halal tra i paesi.

La sfida ora per IHAF, e per il nuovo leader Al Ameri, è di portare più paesi a bordo (sta puntando ad un aumento del 20% entro la fine del 2019) e di capire i loro sistemi in termini di requisiti halal.

In definitiva, IHAF vuole standard internazionali per l’industria halal piuttosto che schemi separati guidati da o adottati da alcuni paesi.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Daily Muslim, parte la sezione “Finanza Islamica”

Partirà martedì 23 giugno, all’interno del nostro giornale, la sezione dedicata all’economia e alla finanza islamica. Si parlerà di notizie provenienti da tutto il mondo sul settore Economico, commercio, Import-Export, Halal, Travel e Finanza Islamica, sotto la nuova sezione dedicata “Finanza islamica”.

Dubai, Nuova legge sugli alcolici

E’ della scorsa settimana, la nuova legge nel regno degli Emirati Arabi Uniti, che disciplina il consumo e l’acquisto degli alcolici all’interno del paese. Esso è consentito solo ai turisti che ne fanno espressamente richiesta una volta scesi all’aeroporto, i quali riceveranno una card che li abiliterà agli acquisti solo in determinati negozi fuori dagli […]

Pakistani e cinesi, sono le comunità che hanno più scambi lavorativi nel nostro Paese

Secondo i dati dell’Associazione Nazionale Italia Pakistan, le due comunità che più collaborano lavorativamente parlando, tra loro, nel nostro paese, sono i cittadini di origine pakistana e cinese. Infatti non è difficile vedere, sopratutto al centro sud, attività commerciali gestite da cinesi, ma con dipendenti pakistani. Principalmente sono attività di abbigliamento, oggettistica, bigiotteria e ristoranti, […]

Mercato mondiale del turismo in Medio Oriente, previsto un aumento tra il 6% e l’8% entro il 2030

L’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) prevede che gli arrivi di turisti internazionali raggiungeranno 1,8 miliardi di persone all’anno entro il 2030. A quel punto, secondo un’indagine del dipartimento di intelligence del mercato della Camera di commercio Arabo-Brasiliana, la quota di mercato del Medio Oriente dovrebbe passare dal 6% all’8%, quindi a circa 150 milioni di […]

Malesia, gli esperti consigliano un supporto spirituale musulmano all’interno degli ospedali

Il medico che ha istituito una delle prime “cappellanie musulmane” e di altre religioni in un ospedale malese ha invitato i fornitori di servizi sanitari in tutto il paese ad adottare un simile sistema di sostegno spirituale. Il suo invito richiama un suggerimento fatto di recente da uno dei principali pensatori della finanza islamica del […]

Il nuovo mercato HalalHoliday cattura gli agenti di viaggio digitali offline

I viaggi per i musulmani hanno una nuova piattaforma di prenotazione online con il lancio giovedì di HalalHoliday a Kuala Lumpur. Ma, a differenza della maggior parte degli altri servizi digitali, questa soluzione unisce la tecnologia con il commercio di viaggi offline. Il sito è stato fondato da Ab Rahman Mohd Ali, dirigente di una […]

India/Pakistan: progressi positivi del Pakistan, in un meeting in India

Il secondo turno di colloqui tra Pakistan e India sul corridoio di Kartarpur, un passaggio di confine chiave per pellegrini sikh, si è concluso domenica con sviluppi positivi, hanno dichiarato funzionari pakistani. Il secondo round di colloqui tra il Pakistan e i funzionari indiani si è tenuto domenica al confine di Wagah. La delegazione pakistana […]