Home Attualità Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sicurezza bis
Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sicurezza bis
0

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sicurezza bis

0
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’interno Matteo Salvini, ha approvato un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica, il cosiddetto “decreto sicurezza bis”. Tra le aree di intervento, accanto al  contrasto potenziamento dell’efficacia dell’azione amministrativa a supporto delle politiche di sicurezza e al contrasto alla violenza in occasione di manifestazioni sportive, c’è il contrasto all’immigrazione illegale.

Su questo fronte, spiega il comunicato di fine seduta, il testo attribuisce al Ministro dell’Interno, “nella sua qualità di Autorità nazionale di pubblica sicurezza, nell’esercizio delle funzioni di coordinamento dei controlli sulla frontiera marittima e terrestre italiana, nonché nel rispetto degli obblighi internazionali dell’Italia”, il potere di “limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale, con l’eccezione del naviglio militare (nel quale rientrano anche le navi militari e le navi da guerra) e delle navi in servizio governativo non commerciale, per motivi diordine e di sicurezza pubblica, ovvero quando, in una specifica ottica di prevenzione, ritenga necessario impedire il cosiddetto “passaggio pregiudizievole” o “non inoffensivo” di una specifica nave se la stessa è impegnata – limitatamente alle violazioni delle leggi in materia di immigrazione – in una delle attività elencate dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Convenzione di Montego Bay – UNCLOS), ossia il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti”. 

Limiti e divieti sono adottati di concerto con i ministri della Difesa e delle Infrastrutture e dei trasporti, secondo le rispettive
competenze, e ne è “data informazione al Presidente del Consiglio dei Ministri”. L’ “inosservanza da parte del comandante della nave dei divieti e delle limitazioni imposti”, viene punita con una multa da un minimo di 10.000 euro a un massimo di 50.000, “fatta salva l’applicabilità di eventuali sanzioni penali”. Se la violazione è reiterata, utilizzando la stesa nave, scatta “la sanzione accessoria della confisca amministrativa con sequestro cautelareimmediato”. Il testo estende poi “alle fattispecie associative realizzate al fine di favorire l’immigrazione clandestina, la competenza delle procure distrettuali e la disciplina delle intercettazioni preventive”.

(12 giugno 2019)

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Il Consiglio canadese delle donne musulmane rigetta completamente l’adozione di Bill 21

Il premier François Legault ha forzato, senza rispettare l’iter legislativo, il passaggio di Bill 21, la nuova legge che vieta ai pubblici dipendenti di indossare o esibire simboli religiosi durante l’espletamento delle proprie funzioni. A detta di tutti, questa norma si rivolge, principalmente, alle donne musulmane, in particolare quelle che indossano l’hijab o il niqab. […]

Aperte le iscrizioni alla scuola araba Al Qalam

Il termine ultimo per le iscrizioni alla scuola araba Al Qalam è il 10 luglio. Tutti i dettagli nel volantino.

Bambini siriani nati in Turchia dal 2011, raggiunto il nuovo tetto di 415.000 nascite

Più di 400.000 bambini siriani sono nati in Turchia dall’inizio della guerra civile in Siria nel 2011, secondo le stime del Ministero dell’Interno turco. “La popolazione siriana in Turchia è giovane, poiché (solo) circa 100.000 siriani tra i 3,6 milioni residenti in Turchia hanno più di 60 anni”, ha detto Abdullah Ayaz, a capo del […]

CAIR-Washington richiede risposta da parte di Starbucks, dopo presunto attacco a donna musulmana in Texas

Un gruppo per i diritti civili esorta i testimoni a farsi avanti dopo che una donna musulmana ha dichiarato di essere stata aggredita in uno Starbucks a Dallas, in Texas, per aver indossato un Hijab. Nur Ashour, questo è il nome della vittima, ha dichiarato di essere stata attaccata fisicamente e verbalmente al bar durante […]

Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, sit-in davanti all’Ambasciata Usa

E’ previsto per il 25 giugno, dalle ore 18:00 alle 19:00, un sit-in davanti all’Ambasciata Usa a Roma, organizzato dalla Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, per denunciare la convocazione della Conferenza nel Bahrein. Aderisce al sit-in l’ AssoPacePalestina.

Corte Costituzionale, Decreto Sicurezza: inammissibili i ricorsi presentati dalle regioni sugli stranieri

La Corte Costituzionale si è pronunciata sui ricorsi contro il Decreto Sicurezza che erano stati nei mesi scorsi presentati dalle regioni Calabria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria lamentando la violazione diretta o indiretta delle loro competenze. La Consulta ha dichiarato inammissibili i ricorsi. La Corte ha ritenuto – si legge nel comunicato diffuso in attesa […]

Centro Culturale Turco: ” La Turchia ospita circa 4 milioni di persone che si rifugiano nel suo territorio”

In occasione della giornata mondiale del rifugiato il Roma Yunus Emre Enstitüsü – Centro Culturale Turco, ha riportato sulla sua pagina ufficiale un comunicato dove sottolineava che la Turchia ospita sul suo suolo nazionale circa 4 milioni di rifugiati. Il comunicato integrale: “Il nostro paese, che fino ad oggi ha aperto i proprio confini alle persone bisognose, […]