Home Attualità Ragusa, protocollo per contrasto sfruttamento e caporalato
Ragusa, protocollo per contrasto sfruttamento e caporalato

Ragusa, protocollo per contrasto sfruttamento e caporalato

0

Femmina

Garantire trasparenza e regolarità nell’incontro tra domanda e offerta di lavoro in agricoltura, affrontando in modo condiviso le problematiche che si frappongono all’affermazione della legalità, della tutela della salute e dell’integrazione sociale e abitativa dei lavoratori, anche di origine straniera. Sono questi gli obiettivi del protocollo d’intesa promosso dalla Prefettura di Ragusa, in attuazione del Protocollo interministeriale del 27 maggio 2016 “Cura Legalità Uscita dal ghetto”, che è stato condiviso, ai fini della successiva approvazione ministeriale, nel corso del tavolo tecnico permanente che si è tenuto lo scorso 8 maggio al quale hanno partecipato i vertici provinciali delle Forze di polizia, i Sindaci o loro delegati dei Comuni di Ragusa, Comiso, Vittoria, Ispica e Scicli, Comuni maggiormente interessati al fenomeno del caporalato, dal Direttore Generale dell’ASP di Ragusa, dai responsabili dell’Ufficio Provinciale del Lavoro e dell’Ispettorato Provinciale del Lavoro, dai rappresentanti dell’INPS, dell”INAIL, dell’Ispettorato Ripartimentale Foreste, delle Organizzazioni Sindacali, delle Associazioni datoriali e delle parti sociali, del CPIA, dell’ANPAL, dell’OIM, della CRI e della Caritas.

Gli aspetti di prioritario interesse individuati riguardano la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di reclutamento informale e di intermediazione illecita della manodopera nel settore agricolo, favorendo la promozione e la diffusione della cultura della legalità e la valorizzazione della filiera agroalimentare ragusana, anche attraverso l’implementazione della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità.

Per intervenire nell’ambito della provincia di Ragusa, il cui settore agricolo come noto è caratterizzato in particolare dalle coltivazioni in serra e con una elevata concentrazione di lavoratori anche di origine straniera, il Protocollo prevede l’avvio di un presidio medico itinerante e di uno sportello dedicato al collocamento pubblico in agricoltura, con l’obiettivo di conoscere e definire il fabbisogno di manodopera ed individuare le competenze dei potenziali lavoratori, creando un efficace incontro domanda-offerta. Ulteriori aspetti fanno riferimento alle azioni previste nel Protocollo già sottoscritto presso la Prefettura di Ragusa “Contrasto alle infiltrazioni criminali nel mercato dei prodotti agroalimentari” ed alla possibilità di destinare beni immobili confiscati alla criminalità organizzata.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Moda Islamica Italiana, a settembre la prima “Boutique” Halal di alto livello creata da un’italiana musulmana

Non sarà un semplice negozio di abbigliamento islamico, ma una vera e propria Boutique Halal di altissimo livello, che non ha pari in Italia, infatti gli standard qualitativi, non verranno applicati solo ai servizi e prodotti offerti, ma anche all’arredamento interno. I locali saranno arredati in stile Shabby Chic, offrendo al visitatore un’esperienza sensoriale, tramite […]

Zain Group è il sistema EyePay in Iraq per UNCHR

Zain Group, il principale servizio di telecomunicazioni mobili in otto paesi nel Medio Oriente e in Africa, annuncia il rivoluzionario sistema “Zain Cash”, un sistema “EyePay”, di pagamento elettronico basato sul riconoscimento del’iride. Questo servizio è stato sviluppato insieme alla IrisGard, una società di commercio elettronico con sede nel Regno Unito, fornitrice leader di tecnologia […]

Otto ragazze emiratine, tentano la scalata del Kilimangiaro

Otto giovani ragazze emiratine, tutte di età inferiore ai 18 anni, stanno compiendo in Africa, un grande evento sportivo, che servirà a sensibilizzare e incoraggiare le ragazze del proprio paese, a seguire e attuare i propri sogni: “la scalata del monte più alto del continente, il Kilimangiaro”. Le ragazze avranno 8 giorni di tempo per […]

Egitto, Gran Museo Egizio simbolo di collaborazione con il Giappone

Il Gran Museo Egizio (GEM), che aprirà nel 2022, è già un faro per la futura prosperità egizia. Costruito per mostrare la civiltà e il patrimonio egiziano, il museo ospiterà migliaia di monumenti e manufatti tra cui le mummie, oltre a ospitare un centro di restauro molto importante che contribuirà a preservare il patrimonio faraonico […]

L’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia, rimprovera Salvini per l’uso dei simboli religiosi

A darne notizia è l’Adnkronos, dove afferma, che l’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia Ali Abu Shwaima, abbia rimproverato tramite l’agenzia di stampa, il Ministro degli Interni Matteo Salvini, per i frequenti richiami ai simboli religiosi:”deve rappresentare tutto il popolo italiano e non solo una parte“, “Salvini non può presentarsi come fedele in Senato” e “deve […]

​Firenze, al via i corsi di lingua italiana per stranieri

​Sono aperte le pre-iscrizioni ai nuovi corsi di lingua italiana per adulti che si terranno da ottobre 2019 alla Biblioteca Pietro Thouar e alla BiblioteCaNova Isolotto. I corsi sono gratuiti.

Francia, tre giorni di dialogo tra cristiani e musulmani

E’ strutturato su 3 giorni, e finir domenica 25, l’evento di dialogo tra cristiani e musulmani per i ragazzi dai 18 ai 35 anni, incentrato sul Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, firmato da Papa Francesco e dal Gran Imam Ahmad Al-Tayyib di Al-Azhar ad Abu Dhabi. Il Documento sarà presentato […]

UAE, si dimette l’Amministratore di Takaful Emarat Insurance

L’amministratore delegato di Takaful Emarat, Fadi Jawdat Hindi, ha rassegnato le dimissioni a decorrere dal 18 agosto, secondo quanto dichiarato dalla società il 19 agosto, che, però, non ha fornito alcuna spiegazione sul gesto del suo Ceo. Inoltre, non è stato ancora annunciato il nome del successore. L’assicuratore, conforme alla Shariah, ha registrato 1.187.575 dirham […]