Home Attualità Ragusa, protocollo per contrasto sfruttamento e caporalato
Ragusa, protocollo per contrasto sfruttamento e caporalato

Ragusa, protocollo per contrasto sfruttamento e caporalato

0

Femmina

Garantire trasparenza e regolarità nell’incontro tra domanda e offerta di lavoro in agricoltura, affrontando in modo condiviso le problematiche che si frappongono all’affermazione della legalità, della tutela della salute e dell’integrazione sociale e abitativa dei lavoratori, anche di origine straniera. Sono questi gli obiettivi del protocollo d’intesa promosso dalla Prefettura di Ragusa, in attuazione del Protocollo interministeriale del 27 maggio 2016 “Cura Legalità Uscita dal ghetto”, che è stato condiviso, ai fini della successiva approvazione ministeriale, nel corso del tavolo tecnico permanente che si è tenuto lo scorso 8 maggio al quale hanno partecipato i vertici provinciali delle Forze di polizia, i Sindaci o loro delegati dei Comuni di Ragusa, Comiso, Vittoria, Ispica e Scicli, Comuni maggiormente interessati al fenomeno del caporalato, dal Direttore Generale dell’ASP di Ragusa, dai responsabili dell’Ufficio Provinciale del Lavoro e dell’Ispettorato Provinciale del Lavoro, dai rappresentanti dell’INPS, dell”INAIL, dell’Ispettorato Ripartimentale Foreste, delle Organizzazioni Sindacali, delle Associazioni datoriali e delle parti sociali, del CPIA, dell’ANPAL, dell’OIM, della CRI e della Caritas.

Gli aspetti di prioritario interesse individuati riguardano la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di reclutamento informale e di intermediazione illecita della manodopera nel settore agricolo, favorendo la promozione e la diffusione della cultura della legalità e la valorizzazione della filiera agroalimentare ragusana, anche attraverso l’implementazione della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità.

Per intervenire nell’ambito della provincia di Ragusa, il cui settore agricolo come noto è caratterizzato in particolare dalle coltivazioni in serra e con una elevata concentrazione di lavoratori anche di origine straniera, il Protocollo prevede l’avvio di un presidio medico itinerante e di uno sportello dedicato al collocamento pubblico in agricoltura, con l’obiettivo di conoscere e definire il fabbisogno di manodopera ed individuare le competenze dei potenziali lavoratori, creando un efficace incontro domanda-offerta. Ulteriori aspetti fanno riferimento alle azioni previste nel Protocollo già sottoscritto presso la Prefettura di Ragusa “Contrasto alle infiltrazioni criminali nel mercato dei prodotti agroalimentari” ed alla possibilità di destinare beni immobili confiscati alla criminalità organizzata.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Tg2: in Svezia 60 quartieri dove vige la Shari’a, Ambasciata di Svezia “affermazioni errate”

Comunicazione dell’Ambasciata di Svezia su un servizio del TG2 A seguito del servizio del TG2 andato in onda il 19 maggio 2019, l’Ambasciata di Svezia comunica di aver informato la direzione del TG2 – tramite una nota scritta inviata il 22 maggio – che nel servizio girato in Svezia ci sono diverse affermazioni errate. Per […]

Lafram (Ucoii): “Ognuno di noi, come fedele, è tenuto ad essere un elemento attivo e propositivo di questa società”

Ormai domani si vota, molti invitano a votare per essere parte integrante di questo paese, in ordine di tempo giunge il messaggio di Yassine Lafram, Presindete dell’Ucoii. Riportiamo integralmente il suo messaggio: “Insha’Allah – se Dio vuole – andrò a votare questa domenica, e tu? Questa domenica si vota per le elezioni europee. Dalle ore 7 […]

Assay, progetto realizzato insieme ai lavoratori migranti vittime di sfruttamento

Per 10 mesi, nove ragazzi migranti provenienti da Ghana, Togo, Burkina Faso e Senegal sono stati inseriti in cinque aziende agricole biologiche di Cerignola, in Puglia, nell’ambito del progetto “In campo! Senza caporale“, avviato nel 2008 dalla Onlus Terra! con l’obiettivo di  costruire una filiera di produzione giusta, pulita e trasparente. Yusuf, Guebre, Mounir, Abdoulaye, Ibrahim, Paap, Hussein, Matthew […]

Residenza, l’ordinanza del Tribunale di Genova ne hanno diritto anche i richiedenti asilo

Il Tribunale ordinario di Genova, con un’ordinanza cautelare del 22 maggio scorso, ha accolto il ricorso presentato da un richiedente asilo, alla quale era stata respinta la domanda di iscrizione anagrafica presso il Comune di Genova, in forza del Decreto Legge 113/18 (decreto Salvini) convertito in legge 132/18. Il giudice ha riconosciuto la fondatezza della […]

Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”

Anche l’Associazione Nazionale Musulmani Italiani dice la sua per il periodo elettorale, di seguito il comunicato: “Siamo sotto elezioni e, da italiani, abbiamo il dovere di votare per scegliere chi ci governerà sia in Italia e sia in Europa. Siamo sotto elezioni e, da musulmani, abbiamo il compito di votare per cercare di sostenere un […]

Hossein Arbabi, in campo per Novoli

Si chiama Hossein Arbabi, cittadino italiano di origini iraniane, da oltre 35 anni residente in Italia ha scelto di scendere in campo sposando il progetto sociale per Novoli con Giovanni De Luca Sindaco. DI seguito l’intervista integrale: “Mi chiamo Hossein Arbabi e vivo in Italia da 35 anni. Arrivato con l’obiettivo di prendere una laurea in […]

Dopo l’arabo, arrivano gli inviti a votare tradotti in Urdu

Per rendere più facilmente memorizzabili i nomi ed i messaggi elettorali di alcuni candidati, qualche schieramento politico ha tradotto il proprio “santino elettorale” in arabo. Si tratta di una pratica molto diffusa sopratutto nelle città in cui le comunità di origine straniera sono molto numerose. Ma la particolarità sta nel fatto che dopo le traduzioni […]