Home Attualità Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”
Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”
0

Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”

0

Anche l’Associazione Nazionale Musulmani Italiani dice la sua per il periodo elettorale, di seguito il comunicato:

“Siamo sotto elezioni e, da italiani, abbiamo il dovere di votare per scegliere chi ci governerà sia in Italia e sia in Europa.

Siamo sotto elezioni e, da musulmani, abbiamo il compito di votare per cercare di sostenere un partito o un politico, che possa essere d’aiuto al riconoscimento dell’Islam in Italia. Fare un patto con chi produce leggi è un dovere per la crescita e la buona conoscenza della nostra religione.

La scelta, quindi, è importante e va ponderata.

Non affidarsi al primo partito o uomo politico solo perché è amico o promette qualcosa dopo essere eletto; è un atto eticamente scorretto e ancor di più “islamicamente” non accettabile.

Neanche affidarsi a un partito che sembra possa dare speranza di rappresentanza a qualche sorella o fratello come simbolo di tutti i musulmani in Italia, quando tale partito ha valori o ideali contrari alla nostra fede. Cosa che un musulmano dovrebbe sistematicamente rifiutare.

La scelta dovrebbe, invece, basarsi sull’onestà dei candidati di una certa lista, sulla genuinità del programma elettorale proposto e, soprattutto, sul rispetto dei valori della nostra fede.

Non certo si può votare chi ha tra le sue idee quella della superiorità di un colore della pelle, di un paese o religione rispetto a un’altra, come alcuni movimenti che si collocano a destra, così come non si può sostenere o votare chi fa battaglie per la liberazione delle droghe, per la regolamentazione delle coppie gay o di fatto, per il riconoscimento delle adozioni per coppie omosessuali, per la morte assistita o per l’utero in affitto. Battaglie- queste – portate avanti dalla maggior parte dei partiti di sinistra. Principi che, comunque, sono contrari all’Islam e che un buon musulmano dovrebbe rifiutarsi di condividere.

Tra i vari schieramenti bisognerebbe scegliere quello che si avvicina di più alla nostra idea religiosa nella vita: il rispetto per la famiglia, per la comunità, per la religione, per l’uomo-donna come essere umano e per i valori di pace e rispetto tra popoli diversi, per la regolamentazione del singolo individuo nella società, sia del cittadino residente sia del cittadino ospitato, per l’accettazione delle regole dello Stato in cui si vive e col quale confrontarsi, al fine, da un lato, di migliorare il rapporto comunicativo con lo stesso e, dall’altro, di intensificare il processo di integrazione culturale, sociale e religiosa.

Scelta, sicuramente, non semplice che si presenta nei prossimi giorni, in cui ognuno di noi dovrebbe riflettere su cosa è più vicino all’Islam, lasciando da parte eventuali antipatie personali per il singolo candidato e lasciando da parte anche quei partiti che parlano di accoglienza, integrazione e che, invece, attuano progetti completamente differenti rispetto a quello che ci è stato insegnato come musulmani”.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Il Consiglio canadese delle donne musulmane rigetta completamente l’adozione di Bill 21

Il premier François Legault ha forzato, senza rispettare l’iter legislativo, il passaggio di Bill 21, la nuova legge che vieta ai pubblici dipendenti di indossare o esibire simboli religiosi durante l’espletamento delle proprie funzioni. A detta di tutti, questa norma si rivolge, principalmente, alle donne musulmane, in particolare quelle che indossano l’hijab o il niqab. […]

Aperte le iscrizioni alla scuola araba Al Qalam

Il termine ultimo per le iscrizioni alla scuola araba Al Qalam è il 10 luglio. Tutti i dettagli nel volantino.

Bambini siriani nati in Turchia dal 2011, raggiunto il nuovo tetto di 415.000 nascite

Più di 400.000 bambini siriani sono nati in Turchia dall’inizio della guerra civile in Siria nel 2011, secondo le stime del Ministero dell’Interno turco. “La popolazione siriana in Turchia è giovane, poiché (solo) circa 100.000 siriani tra i 3,6 milioni residenti in Turchia hanno più di 60 anni”, ha detto Abdullah Ayaz, a capo del […]

CAIR-Washington richiede risposta da parte di Starbucks, dopo presunto attacco a donna musulmana in Texas

Un gruppo per i diritti civili esorta i testimoni a farsi avanti dopo che una donna musulmana ha dichiarato di essere stata aggredita in uno Starbucks a Dallas, in Texas, per aver indossato un Hijab. Nur Ashour, questo è il nome della vittima, ha dichiarato di essere stata attaccata fisicamente e verbalmente al bar durante […]

Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, sit-in davanti all’Ambasciata Usa

E’ previsto per il 25 giugno, dalle ore 18:00 alle 19:00, un sit-in davanti all’Ambasciata Usa a Roma, organizzato dalla Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, per denunciare la convocazione della Conferenza nel Bahrein. Aderisce al sit-in l’ AssoPacePalestina.

Corte Costituzionale, Decreto Sicurezza: inammissibili i ricorsi presentati dalle regioni sugli stranieri

La Corte Costituzionale si è pronunciata sui ricorsi contro il Decreto Sicurezza che erano stati nei mesi scorsi presentati dalle regioni Calabria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria lamentando la violazione diretta o indiretta delle loro competenze. La Consulta ha dichiarato inammissibili i ricorsi. La Corte ha ritenuto – si legge nel comunicato diffuso in attesa […]

Centro Culturale Turco: ” La Turchia ospita circa 4 milioni di persone che si rifugiano nel suo territorio”

In occasione della giornata mondiale del rifugiato il Roma Yunus Emre Enstitüsü – Centro Culturale Turco, ha riportato sulla sua pagina ufficiale un comunicato dove sottolineava che la Turchia ospita sul suo suolo nazionale circa 4 milioni di rifugiati. Il comunicato integrale: “Il nostro paese, che fino ad oggi ha aperto i proprio confini alle persone bisognose, […]