Home Attualità Istat: gli stranieri non comunitari residenti in Italia sono meno di 4 milioni
Istat: gli stranieri non comunitari residenti in Italia sono meno di 4 milioni
0

Istat: gli stranieri non comunitari residenti in Italia sono meno di 4 milioni

0

Secondo “Noi Italia – 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo” è un prodotto multimediale attraverso cui l’Istat dal 2008 offre ogni anno una selezione di oltre 100 indicatori statistici dell’Italia, delle differenze regionali che lo caratterizzano e della sua collocazione nel contesto europeo. L’11 aprile scorso sono stati presentati i nuovi dati aggiornati al 1° gennaio 2018. Gli indicatori, articolati in sei aree e 19 settori, offrono una lettura dei fenomeni analizzati nel tempo e nello spazio. Corredati di sintetici commenti, si possono consultare in modo interattivo grazie a semplici strumenti di visualizzazione grafica.

Disponibile anche una rappresentazione grafica interattiva che permette il confronto tra l’Italia e gli altri Paesi europei. In particolare, per una selezione di indicatori è possibile visualizzare sia la graduatoria del 2010 sia quella relativa all’anno disponibile più recente, ottenendo una lettura immediata del posizionamento dell’Italia nella classifica europea.

Stranieri- Uno dei 19 settori presi in esame è quello relativo agli stranieri: all’inizio del 2018 risultano residenti in Italia oltre 5 milioni di cittadini stranieri (97 mila in più rispetto al 2017), pari all’8,5% del totale dei residenti. Di questi, gli stranieri non comunitari regolarmente presenti sono poco meno di 4 milioni, valore sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente.

Nel corso del 2017 i nuovi permessi rilasciati sono stati circa il 16% in più rispetto all’anno precedente (262.770 a fronte di 226.934 nel 2016). L’aumento dei nuovi ingressi ha riguardato soprattutto il Nord-ovest e il Mezzogiorno. Il fenomeno è in parte dovuto agli sbarchi (pur diminuiti nel corso dell’anno), come confermato da quote più elevate di cittadini stranieri residenti in convivenza sul totale nelle regioni del Sud (4,5%) e delle Isole (5,8%), rispetto alle regioni del Nord (1,9%).

Nel corso del  2017, 147mila cittadini stranieri hanno acquisito la cittadinanza italiana (-37,5% rispetto al 2016). In calo, invece, nello stesso periodo le nascite di bimbi stranieri (68mila).

Il livello di istruzione degli stranieri risulta essere ancora inferiore rispetto a quello degli italiani: tra gli stranieri di 15-64 anni, oltre la metà ha conseguito al massimo la licenza media (circa 4 su 10 gli italiani), il 34,7% ha un diploma di scuola superiore e l’11,0% una laurea (mentre sono laureati il 17,8% degli italiani di 15-64 anni).

Nel mercato del lavoro permangono i divari tra italiani e stranieri: nel 2018 il tasso di occupazione (20-64 anni) degli stranieri è il 64,4% contro il 62,8% degli italiani. Il tasso di disoccupazione diminuisce in maniera meno intensa tra gli stranieri, che continuano a presentare una disoccupazione più elevata; il tasso di inattività è invece più basso per gli stranieri (28,8%) rispetto agli italiani (35,0%), con differenze più forti nel Mezzogiorno.

Rispetto al contesto europeo l’Italia è al quarto posto per presenza di cittadini stranieri, dopo la Germania, la Spagna e il Regno Unito, ma prima della Francia, dove però la storia dell’immigrazione ha radici più antiche e una quota più rilevante di residenti originariamente cittadini stranieri può aver acquisito la cittadinanza.

Fonte: Istat – Noi Italia – 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Il Consiglio canadese delle donne musulmane rigetta completamente l’adozione di Bill 21

Il premier François Legault ha forzato, senza rispettare l’iter legislativo, il passaggio di Bill 21, la nuova legge che vieta ai pubblici dipendenti di indossare o esibire simboli religiosi durante l’espletamento delle proprie funzioni. A detta di tutti, questa norma si rivolge, principalmente, alle donne musulmane, in particolare quelle che indossano l’hijab o il niqab. […]

Aperte le iscrizioni alla scuola araba Al Qalam

Il termine ultimo per le iscrizioni alla scuola araba Al Qalam è il 10 luglio. Tutti i dettagli nel volantino.

Bambini siriani nati in Turchia dal 2011, raggiunto il nuovo tetto di 415.000 nascite

Più di 400.000 bambini siriani sono nati in Turchia dall’inizio della guerra civile in Siria nel 2011, secondo le stime del Ministero dell’Interno turco. “La popolazione siriana in Turchia è giovane, poiché (solo) circa 100.000 siriani tra i 3,6 milioni residenti in Turchia hanno più di 60 anni”, ha detto Abdullah Ayaz, a capo del […]

CAIR-Washington richiede risposta da parte di Starbucks, dopo presunto attacco a donna musulmana in Texas

Un gruppo per i diritti civili esorta i testimoni a farsi avanti dopo che una donna musulmana ha dichiarato di essere stata aggredita in uno Starbucks a Dallas, in Texas, per aver indossato un Hijab. Nur Ashour, questo è il nome della vittima, ha dichiarato di essere stata attaccata fisicamente e verbalmente al bar durante […]

Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, sit-in davanti all’Ambasciata Usa

E’ previsto per il 25 giugno, dalle ore 18:00 alle 19:00, un sit-in davanti all’Ambasciata Usa a Roma, organizzato dalla Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, per denunciare la convocazione della Conferenza nel Bahrein. Aderisce al sit-in l’ AssoPacePalestina.

Corte Costituzionale, Decreto Sicurezza: inammissibili i ricorsi presentati dalle regioni sugli stranieri

La Corte Costituzionale si è pronunciata sui ricorsi contro il Decreto Sicurezza che erano stati nei mesi scorsi presentati dalle regioni Calabria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria lamentando la violazione diretta o indiretta delle loro competenze. La Consulta ha dichiarato inammissibili i ricorsi. La Corte ha ritenuto – si legge nel comunicato diffuso in attesa […]

Centro Culturale Turco: ” La Turchia ospita circa 4 milioni di persone che si rifugiano nel suo territorio”

In occasione della giornata mondiale del rifugiato il Roma Yunus Emre Enstitüsü – Centro Culturale Turco, ha riportato sulla sua pagina ufficiale un comunicato dove sottolineava che la Turchia ospita sul suo suolo nazionale circa 4 milioni di rifugiati. Il comunicato integrale: “Il nostro paese, che fino ad oggi ha aperto i proprio confini alle persone bisognose, […]