Home Attualità Garante infanzia, circoncisioni rituali: “Siano più accessibili negli ospedali”
Garante infanzia, circoncisioni rituali: “Siano più accessibili negli ospedali”
0

Garante infanzia, circoncisioni rituali: “Siano più accessibili negli ospedali”

0
Da un lato sensibilizzare e informare i genitori e le comunità migranti, dall’altro assicurare le circoncisioni rituali in maniera uniforme e a prezzi accessibili nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Sono i due fronti sui quali il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza chiede al ministro della Salute di intervenire, anche per evitare nuove tragedie. 
“La circoncisione rituale, pur priva di finalità terapeutica, è un intervento chirurgico che ha un forte valore simbolico in determinati contesti culturali”, scrive il Garante Filomena Albano in una segnalazione inviata al ministro Giulia Grillo il 15 aprile scorso. “La disomogeneità di accesso, riscontrata nell’ambito del servizio sanitario nazionale, unitamente alla natura non terapeutica dell’intervento, alla scarsa disponibilità economica delle famiglie o semplicemente all’assenza di informazione al riguardo, possono comportare l’esecuzione di tale pratica in condizioni rischiose da parte di soggetti non qualificati, con conseguenze a volte drammatiche per i bambini”. 

Il tema è tornato d’attualità sulla scia di alcuni casi di cronaca. Dallo scorso novembre a oggi, sono morti quattro bambini tra Genova, Reggio Emilia e Roma, tutti figli di migranti, vittime delle complicazioni di circoncisioni praticate in casa non da medici, ma da sedicenti “esperti”. Il Garante segnala quindi al Ministro “la necessità di definire indirizzi unitari finalizzati a:
  •  attivare campagne di sensibilizzazione rivolte ai genitori e alle comunità interessate sull’importanza di eseguire la circoncisione rituale, in luoghi sicuri e da parte di personale qualificato così eliminando i rischi ad essa connessi;
  • attivare campagne di informazione anche presso i servizi socio sanitari (sportelli comunali, servizi ospedalieri, medici di famiglia, pediatri);
  • favorire al presenza di un mediatore culturale nei presidi ospedalieri ove si pratichi la circoncisione rituale;
  • assicurare che la prestazione sanitaria sia garantita su tutto il territorio nazionale in modo uniforme;
  • definire procedure standard di accesso alla prestazione sanitaria, di gestione della stessa e di controllo successivo;
  • individuare un regime tariffario che renda accessibile a tutte le fasce di reddito la prestazione della circoncisione rituale”.
Secondo le stime dell’Associazione medici di origine straniera (Amsi), ogni anno vengono effettuate 11 mila circoncisioni su figli di migranti che vivono in Italia. Nella metà dei casi, i genitori fanno operare i bambini nel Paese d’Origine, ma 5 mila operazioni vengono fatte in Italia, il 35% delle volte clandestinamente. Le circoncisioni rituali non rientrano tra i Livelli Essenziali di Assistenza garantiti dal Ssn e le strutture sanitarie procedono in ordine sparso, con un’estrema disomogeneità di pratiche (per esempio riguardo all’età minima o la possibilità di fare l’operazione in convenzione) e prezzi (da poche centinaia di euro in alcuni ospedali pubblici a migliaia di euro chiesti da alcuni privati).

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Moda Islamica Italiana, a settembre la prima “Boutique” Halal di alto livello creata da un’italiana musulmana

Non sarà un semplice negozio di abbigliamento islamico, ma una vera e propria Boutique Halal di altissimo livello, che non ha pari in Italia, infatti gli standard qualitativi, non verranno applicati solo ai servizi e prodotti offerti, ma anche all’arredamento interno. I locali saranno arredati in stile Shabby Chic, offrendo al visitatore un’esperienza sensoriale, tramite […]

Otto ragazze emiratine, tentano la scalata del Kilimangiaro

Otto giovani ragazze emiratine, tutte di età inferiore ai 18 anni, stanno compiendo in Africa, un grande evento sportivo, che servirà a sensibilizzare e incoraggiare le ragazze del proprio paese, a seguire e attuare i propri sogni: “la scalata del monte più alto del continente, il Kilimangiaro”. Le ragazze avranno 8 giorni di tempo per […]

Egitto, Gran Museo Egizio simbolo di collaborazione con il Giappone

Il Gran Museo Egizio (GEM), che aprirà nel 2022, è già un faro per la futura prosperità egizia. Costruito per mostrare la civiltà e il patrimonio egiziano, il museo ospiterà migliaia di monumenti e manufatti tra cui le mummie, oltre a ospitare un centro di restauro molto importante che contribuirà a preservare il patrimonio faraonico […]

L’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia, rimprovera Salvini per l’uso dei simboli religiosi

A darne notizia è l’Adnkronos, dove afferma, che l’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia Ali Abu Shwaima, abbia rimproverato tramite l’agenzia di stampa, il Ministro degli Interni Matteo Salvini, per i frequenti richiami ai simboli religiosi:”deve rappresentare tutto il popolo italiano e non solo una parte“, “Salvini non può presentarsi come fedele in Senato” e “deve […]

​Firenze, al via i corsi di lingua italiana per stranieri

​Sono aperte le pre-iscrizioni ai nuovi corsi di lingua italiana per adulti che si terranno da ottobre 2019 alla Biblioteca Pietro Thouar e alla BiblioteCaNova Isolotto. I corsi sono gratuiti.

Francia, tre giorni di dialogo tra cristiani e musulmani

E’ strutturato su 3 giorni, e finir domenica 25, l’evento di dialogo tra cristiani e musulmani per i ragazzi dai 18 ai 35 anni, incentrato sul Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, firmato da Papa Francesco e dal Gran Imam Ahmad Al-Tayyib di Al-Azhar ad Abu Dhabi. Il Documento sarà presentato […]

UAE, si dimette l’Amministratore di Takaful Emarat Insurance

L’amministratore delegato di Takaful Emarat, Fadi Jawdat Hindi, ha rassegnato le dimissioni a decorrere dal 18 agosto, secondo quanto dichiarato dalla società il 19 agosto, che, però, non ha fornito alcuna spiegazione sul gesto del suo Ceo. Inoltre, non è stato ancora annunciato il nome del successore. L’assicuratore, conforme alla Shariah, ha registrato 1.187.575 dirham […]

Bando, progetti di integrazione e coesione sociale in Toscana

L’obiettivo dell’Avviso Pubblico è quello di sostenere un progetto di società civile che escluda l’abbandono e l’emarginazione di chi, anche straniero, dimora in Toscana ed è privo di mezzi di sostentamento e di reti per l’inserimento sociale e lavorativo attraverso il sostegno e la diffusione di interventi per l’inclusione e la coesione sociale. Si prevede […]