Home Attualità “Comandante Bergoglio”, Papa Francesco visto da un musulmano italiano
“Comandante Bergoglio”, Papa Francesco visto da un musulmano italiano

“Comandante Bergoglio”, Papa Francesco visto da un musulmano italiano

0

S’intitola “Comandante Bergoglio” ed è la prima volta che un musulmano scrive un libro su un Papa e, per di più, un volume apologetico. Ma il personaggio lo merita. La semplicità e la linearità degli atteggiamenti e dei comportamenti di Papa Francesco, che hanno colpito un po’ tutti fin dalla sua elezione al soglio pontificio, compreso l’autore, hanno accompagnato la scoperta, giorno dopo giorno, di una persona decisamente straordinaria.

Massimo Abdul Haqq Zucchi, autore del libro, afferma: “Lo definirei straordinario anche se non fosse diventato Papa. Che sia diventato Papa, lo rende fuori dal comune ancor di più. Straordinaria la sua cultura, vasta, che abbraccia tutto lo scibile di interesse comune, e supera di gran lunga il campo limitato della teologia: dalla filosofia, alla storia,alla psicologia, alla pedagogia, alle religioni tutte. Straordinaria la sua sensibilità e la sua generosità, che lo portano a viaggiare instancabilmente in tutto il mondo, parlando di pace, esortando alla pace, in special modo fra le diverse professioni religiose”.

Zucchi aggiunge: “Papa Francesco ha di straordinario anche la sua intelligenza, che lo ha portato, di pari passo col suo grande cuore, a grandi risultati politici, come la pace raggiunta in Colombia dopo cinquant’anni di guerra civile fra il governo e la guerriglia marxista delle FARC, e come la fine dell’embargo degli USA contro Cuba. Straordinaria la sua ‘prontezza nell’affrontare i problemi, nel più limpido disinteresse personale per ogni forma di potere’, come ha detto di lui il sacerdote argentino Anibal Filippini”.

Poi l’autore sottolinea: “Straordinaria ritengo la sua disponibilità nei confronti dei media, il suo rimanere, a volte per ore, a rispondere a tutte le domande dei giornalisti, su tutti gli argomenti possibili e immaginabili. Straordinaria la sua capacità, dimostrata nei suoi innumerevoli scritti, e nei suoi innumerevoli interventi in video e in voce, di dare consigli pratici a tutti, anche per la vita di tutti i giorni. Straordinario il suo calore e la sua simpatia, che si manifestano anche con motti, aneddoti, e battute che strappano il sorriso a chiunque”.

Con queste premesse straordinarie – conclude Massimo Abdul Haqq Zucchi – non può che essere straordinaria anche l’accoglienza e l’affetto che gli riserva il popolo, ovunque lui vada: alla sua visita a Monza, nel 2018, era presente un milione di persone. E naturalmente, non può che essere, di contro, straordinaria anche l’avversione che hanno verso di lui tutti i poteri forti, compresi i media. Le elite lo odiano, e lui ha spiegato il perché: ‘A Satana piacciono le elite’. Stare col popolo, per il popolo, contro tutte le elite, anche quella clericale. Questo è il suo più grande insegnamento”.

Chi intende ordinare il libro può andare su www.youcanprint.it, cliccare su “Comandante Bergoglio” e procedere con l’ordinazione.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Tg2: in Svezia 60 quartieri dove vige la Shari’a, Ambasciata di Svezia “affermazioni errate”

Comunicazione dell’Ambasciata di Svezia su un servizio del TG2 A seguito del servizio del TG2 andato in onda il 19 maggio 2019, l’Ambasciata di Svezia comunica di aver informato la direzione del TG2 – tramite una nota scritta inviata il 22 maggio – che nel servizio girato in Svezia ci sono diverse affermazioni errate. Per […]

Lafram (Ucoii): “Ognuno di noi, come fedele, è tenuto ad essere un elemento attivo e propositivo di questa società”

Ormai domani si vota, molti invitano a votare per essere parte integrante di questo paese, in ordine di tempo giunge il messaggio di Yassine Lafram, Presindete dell’Ucoii. Riportiamo integralmente il suo messaggio: “Insha’Allah – se Dio vuole – andrò a votare questa domenica, e tu? Questa domenica si vota per le elezioni europee. Dalle ore 7 […]

Assay, progetto realizzato insieme ai lavoratori migranti vittime di sfruttamento

Per 10 mesi, nove ragazzi migranti provenienti da Ghana, Togo, Burkina Faso e Senegal sono stati inseriti in cinque aziende agricole biologiche di Cerignola, in Puglia, nell’ambito del progetto “In campo! Senza caporale“, avviato nel 2008 dalla Onlus Terra! con l’obiettivo di  costruire una filiera di produzione giusta, pulita e trasparente. Yusuf, Guebre, Mounir, Abdoulaye, Ibrahim, Paap, Hussein, Matthew […]

Residenza, l’ordinanza del Tribunale di Genova ne hanno diritto anche i richiedenti asilo

Il Tribunale ordinario di Genova, con un’ordinanza cautelare del 22 maggio scorso, ha accolto il ricorso presentato da un richiedente asilo, alla quale era stata respinta la domanda di iscrizione anagrafica presso il Comune di Genova, in forza del Decreto Legge 113/18 (decreto Salvini) convertito in legge 132/18. Il giudice ha riconosciuto la fondatezza della […]

Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”

Anche l’Associazione Nazionale Musulmani Italiani dice la sua per il periodo elettorale, di seguito il comunicato: “Siamo sotto elezioni e, da italiani, abbiamo il dovere di votare per scegliere chi ci governerà sia in Italia e sia in Europa. Siamo sotto elezioni e, da musulmani, abbiamo il compito di votare per cercare di sostenere un […]

Hossein Arbabi, in campo per Novoli

Si chiama Hossein Arbabi, cittadino italiano di origini iraniane, da oltre 35 anni residente in Italia ha scelto di scendere in campo sposando il progetto sociale per Novoli con Giovanni De Luca Sindaco. DI seguito l’intervista integrale: “Mi chiamo Hossein Arbabi e vivo in Italia da 35 anni. Arrivato con l’obiettivo di prendere una laurea in […]

Dopo l’arabo, arrivano gli inviti a votare tradotti in Urdu

Per rendere più facilmente memorizzabili i nomi ed i messaggi elettorali di alcuni candidati, qualche schieramento politico ha tradotto il proprio “santino elettorale” in arabo. Si tratta di una pratica molto diffusa sopratutto nelle città in cui le comunità di origine straniera sono molto numerose. Ma la particolarità sta nel fatto che dopo le traduzioni […]