Home blog Anche nella vita quotidiana dei musulmani si sente lo stress
Anche nella vita quotidiana dei musulmani si sente lo stress

Anche nella vita quotidiana dei musulmani si sente lo stress

0

Ho paura del futuro ho paura, con la crisi economica, di perdere il lavoro“. “Mia moglie (originaria del Corno d’Africa), da cui sono separato, mette sulle labbra dei miei figli piccoli del peperoncino come punizione fisica se non le ubbidiscono“. Una madre egiziana – riporta il Corriere della Seraè stata arrestata perché sottoponeva la figlia 15enne, che non voleva indossare il velo, a ogni forma di avvilimento ma anche a violenze“.

Altri esempi di frustrazioni: “Il mio più grande timore è che la gente mi giudichi come una musulmana dalla fede debole, allora cerco di dare una immagine perfetta di me“, o ancora: “Sono sola, divorziata con una figlia, ma ogni mio tentativo di rifarmi un legame vero e solido finisce male“. Infine, una notizia da Pistoia: una giovane donna ha chiamato la Polizia chiedendo aiuto perché da giorni un 26enne del Mali la infastidiva “verbalmente”; costui ha dichiarato, senza batter ciglio, che tanto la ragazza doveva essere sua moglie poiché sentiva che lo aveva deciso Allah.

Nonostante questi siano ovviamente dei casi limite, indubbiamente ansie, depressione e stress in vario modo somatizzati sono diffusi tra i musulmani e le musulmane. Ma come sono affrontati e possibilmente curati questi stati di disagio, questi malesseri? Per la maggior parte, purtroppo, sono rimossi, non solo nelle cause, ma persino nei loro effetti evidenti. Una soluzione é considerata l’aumento della propria devozione religiosa e degli atti di culto, il che spesso non fa che acuire la colpevolizzazione di se stessi.

Quando l’Altissimo non risolve i problemi- Infine, in special modo per molte culture del mondo islamico, questi insuccessi, o difficoltà della propria vita quotidiana vengono attribuiti al malocchio, ai Jinn cattivi. Come ci si può render conto, è sugli Imam che sono in Europa che finisce per gravare il compito di provare ad alleviare i fedeli e le fedeli da tutti questi sintomi, anche quando la stragrande maggioranza di loro non ha le idonee competenze; altrimenti si assiste al peggio: come si è potuto appurare in recenti programmi d’informazione televisivi, si può cadere vittime di ciarlatani e truffatori che millantano di saper eseguire la ruhyya, ovvero il particolare trattamento per scacciare il maligno da una persona.

Una volta, all’ospedale “San Camillo” di Roma, in preparazione di un protocollo d’intesa per fornire l’assistenza spirituale ai degenti di fede islamica, un medico mi confessò di essere sorpreso dall’atteggiamento dei ricoverati musulmani. Facendo il quotidiano giro tra le corsie, mentre gli altri accusavano dolori in qualche parte del loro corpo, molti musulmani di varie etnie alla domanda “Come stai?” rispondevano: “Alhamdulillah (sia lode ad Allah)”.

Si ritornerà in prossimi articoli (a Dio piacendo) su resilienze, terapie e cure, ispirate all’Islam.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Tg2: in Svezia 60 quartieri dove vige la Shari’a, Ambasciata di Svezia “affermazioni errate”

Comunicazione dell’Ambasciata di Svezia su un servizio del TG2 A seguito del servizio del TG2 andato in onda il 19 maggio 2019, l’Ambasciata di Svezia comunica di aver informato la direzione del TG2 – tramite una nota scritta inviata il 22 maggio – che nel servizio girato in Svezia ci sono diverse affermazioni errate. Per […]

Lafram (Ucoii): “Ognuno di noi, come fedele, è tenuto ad essere un elemento attivo e propositivo di questa società”

Ormai domani si vota, molti invitano a votare per essere parte integrante di questo paese, in ordine di tempo giunge il messaggio di Yassine Lafram, Presindete dell’Ucoii. Riportiamo integralmente il suo messaggio: “Insha’Allah – se Dio vuole – andrò a votare questa domenica, e tu? Questa domenica si vota per le elezioni europee. Dalle ore 7 […]

Assay, progetto realizzato insieme ai lavoratori migranti vittime di sfruttamento

Per 10 mesi, nove ragazzi migranti provenienti da Ghana, Togo, Burkina Faso e Senegal sono stati inseriti in cinque aziende agricole biologiche di Cerignola, in Puglia, nell’ambito del progetto “In campo! Senza caporale“, avviato nel 2008 dalla Onlus Terra! con l’obiettivo di  costruire una filiera di produzione giusta, pulita e trasparente. Yusuf, Guebre, Mounir, Abdoulaye, Ibrahim, Paap, Hussein, Matthew […]

Residenza, l’ordinanza del Tribunale di Genova ne hanno diritto anche i richiedenti asilo

Il Tribunale ordinario di Genova, con un’ordinanza cautelare del 22 maggio scorso, ha accolto il ricorso presentato da un richiedente asilo, alla quale era stata respinta la domanda di iscrizione anagrafica presso il Comune di Genova, in forza del Decreto Legge 113/18 (decreto Salvini) convertito in legge 132/18. Il giudice ha riconosciuto la fondatezza della […]

Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”

Anche l’Associazione Nazionale Musulmani Italiani dice la sua per il periodo elettorale, di seguito il comunicato: “Siamo sotto elezioni e, da italiani, abbiamo il dovere di votare per scegliere chi ci governerà sia in Italia e sia in Europa. Siamo sotto elezioni e, da musulmani, abbiamo il compito di votare per cercare di sostenere un […]

Hossein Arbabi, in campo per Novoli

Si chiama Hossein Arbabi, cittadino italiano di origini iraniane, da oltre 35 anni residente in Italia ha scelto di scendere in campo sposando il progetto sociale per Novoli con Giovanni De Luca Sindaco. DI seguito l’intervista integrale: “Mi chiamo Hossein Arbabi e vivo in Italia da 35 anni. Arrivato con l’obiettivo di prendere una laurea in […]

Dopo l’arabo, arrivano gli inviti a votare tradotti in Urdu

Per rendere più facilmente memorizzabili i nomi ed i messaggi elettorali di alcuni candidati, qualche schieramento politico ha tradotto il proprio “santino elettorale” in arabo. Si tratta di una pratica molto diffusa sopratutto nelle città in cui le comunità di origine straniera sono molto numerose. Ma la particolarità sta nel fatto che dopo le traduzioni […]