Home Attualità “Trame Mediterranee”: ad Avellino quattro incontri per conoscere la nostra identità
“Trame Mediterranee”: ad Avellino quattro incontri per conoscere la nostra identità

“Trame Mediterranee”: ad Avellino quattro incontri per conoscere la nostra identità

0

Dal 14 febbraio al 9 maggio il Godot Art Bistrot di Avellino, in collaborazione con il Centro di Studi sul Mondo Islamico (Università “L’Orientale” di Napoli) e Libreria Tamu (Napoli), ospiterà la rassegna “Trame Mediterranee”, ideata e curata da Rosanna Sirignano, membro della Federazione Islamica Campania e dottoranda in Studi Islamici e Studi Transculturali. Quattro incontri, quattro libri, quattro paesi a maggioranza musulmana per approfondire le proprie radici mediterranee, per riflettere sulla nostra identità da diverse prospettive, per ampliare lo sguardo sul mondo. Gli autori, Eva De Prosperis, Sara Borrillo, Cecilia Dalla Negra e Gianmarco Pisa, pur lavorando in ambiti diversi, sono tutti ricercatori attenti e viaggiatori instancabili. Con i loro racconti, la lunga esperienza, maturata dopo anni di studio, ci condurranno in un viaggio attraverso quattro paesi del Mediterraneo ricchi di bellezza, di cultura, ma anche di intricate storie di sofferenza e ingiustizia. Si comincia con un focus sulla costruzione dell’identità femminile attraverso esempi dall’Albania e il Marocco. Si continua con il patrimonio storico e culturale di Kosovo e Palestina, e il ruolo della memoria come mezzo di conforto, sopravvivenza e resistenza.

Di seguito il programma:

  1. Giovedì 14 febbraio ore 20:00/Albania- Visione del documentario e presentazione del libro Io sono una burnesha. Le vergini giurate in Albania di Eva De Prosperis, Villaggio Maori Edizioni, 2017. Le burnesha sono donne che rinunciano alla propria femminilità e scelgono l’identità sociale di uomo per conquistare diritti, ma anche responsabilità, altrimenti loro preclusi dalla società arcaica in cui vivono. Attraverso le loro parole, la giornalista e fotografa Eva De Prosperis, ci racconta di quella parte d’Albania ancora ai margini della modernità, di un Paese che sogna l’Europa e nel quale presto, per loro, non ci sarà più posto;
  2. Giovedì 7 marzo ore 20:00/Marocco- Presentazione del libro Femminismi e Islam in Marocco:attiviste laiche, teologhe, predicatrici di Sara Borrillo, Edizioni Scientifiche Italiane, 2017. Grazie a una serie di approfonditi focus etnografici, Sara Borrillo, ricercatrice presso l’Università “L’Orientale” di Napoli, lascia emergere le voci dirette delle protagoniste del dibattito sui diritti delle donne in Marocco: dalle attiviste laiche del femminismo storico alle sempre più importanti intellettuali del femminismo islamico, fino alle teologhe e alle predicatrici dell’Islam di stato. Con lei, dialogherà Nicola Di Mauro, dottorando in Storia dell’Islam Contemporaneo;
  3. Sabato 20 aprile ore 20:00/Palestina- Presentazione del libro Si chiamava Palestina. Storia di un popolo dalla Nakba a oggi di Cecilia Dalla Negra, Edizioni Aut Aut, 2018. La giornalista Cecilia Dalla Negra, attualmente caporedattore di “Osservatorio Iraq”, ripercorre le principali tappe del processo di colonizzazione israeliano, iniziato nel 1948, anno della Nakba, fino a giungere agli eventi attuali segnati dalla “Grande Marcia del Ritorno”, luogo simbolico in cui la storia della Nakba e la sua attualità si incontrano. Integrando alcune testimonianze dirette, il libro segue il cammino di un popolo che ancora oggi resiste alle strategie di esproprio e repressione di Israele. Sarà presente Maria Rosaria Greco curatrice e ideatrice di “Femminile Palestinese”;
  4. Giovedì 9 maggio ore 20:00/Kosovo- Presentazione del libro Paesaggi Kosovari, 1998-2018. Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace di Giammarco Pisa, Associazione Multimage, 2018. Gianmarco Pisa, operatore di pace, impegnato in iniziative e ricerca-azione per la trasformazione dei conflitti, ci racconta del risultato dello svolgimento del percorso progettuale PRO.ME.T.E.O., in merito alla possibilità, nei Balcani e, in particolare per il Kosovo, di innescare inediti potenziali di sviluppo economico e sociale, a partire dall’indiscutibile patrimonio storico e culturale che ospita.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Never Alone, percorsi finalizzati all’autonomia di minori stranieri non accompagnati

Sono 65 organizzazioni, compresi 12 enti locali, in 6 diverse regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia) forniranno servizi mirati alla inclusione sociale e lavorativa di 500 minori stranieri non accompagnati e neo-maggiorenni entrati in Italia come MSNA. Sono le forze dispiegate per i nuovi 8 progetti avviati nell’ambito di Never Alone, l’iniziativa, lanciata nel 2015, che […]

Comitato Economico e Sociale Europeo: “I costi della non immigrazione e non integrazione”

Cambiare il discorso sulla migrazione e tornare ad un dibattito razionale basato sui fatti. I rifugiati e migranti andrebbero visti non come una minaccia ma come un’opportunità per il modello economico e sociale europeo. L’investimento nell’integrazione dei migranti costituisce la migliore assicurazione contro potenziali costi, tensioni e problemi in futuro. Sono questi, in sintesi, le […]

Il CoNNGI presenta il Manifesto delle Nuove Generazioni Italiane 2019

Il Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni Italiane (CoNNGI), associazione di promozione sociale nata nel 2017 nell’ambito delle attività della Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) con l’obiettivo di rappresentare in maniera unitaria tutti i giovani con background migratorio, presenta la nuova versione del suo Manifesto. Il Manifesto […]

Garante infanzia, circoncisioni rituali: “Siano più accessibili negli ospedali”

Da un lato sensibilizzare e informare i genitori e le comunità migranti, dall’altro assicurare le circoncisioni rituali in maniera uniforme e a prezzi accessibili nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Sono i due fronti sui quali il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza chiede al ministro della Salute di intervenire, anche per evitare nuove tragedie.  “La circoncisione rituale, pur priva di […]

Foad Aodi, Sri Lanka: “No alla guerra fra religioni”

Le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia), attraverso le parole di Foad Aodi, fondatore delle Co-mai e dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), condannano senza ambiguità e con forza gli attentati disumani, razzisti e anti festività religiose contro i cristiani in Sri Lanka causando quasi 300 […]

Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine

Dopo anni di calo, le rimesse fanno registrare una notevole impennata. Nel 2018 i migranti hanno infatti inviato dall’Italia ai propri Paesi d’origine 6,2 miliardi di euro, lo 0,35% del PIL e oltre il 20% in più rispetto al 2017. Il record di quasi 8 miliardi raggiunto nel 2011 è ancora ineguagliato, ma stupiscono le performance di alcune comunità asiatiche, […]

Stragi in Sri Lanka, il cordoglio di Lafram (UCOII)

“Atto vile e disumano in un giorno sacro per i fratelli cristiani” così Yassine Lafram, presidente dell’UCOII, ha definito sulla sua bacheca facebook gli attentati terroristici di ieri in Sri Lanka, esprimendo solidarietà ai familiari delle quasi 300 vittime ed a quelli degli oltre 500 feriti nelle esplosioni che hanno interessato chiese e hotel del […]