Home Attualità Regione Marche: i richiedenti asilo possono iscriversi al servizio sanitario regionale
Regione Marche: i richiedenti asilo possono iscriversi al servizio sanitario regionale
0

Regione Marche: i richiedenti asilo possono iscriversi al servizio sanitario regionale

0

Come riporta il sito IntegrazioneMigranti,  la Regione Marche ha fornito chiarimenti tramite una circolare, in merito al diritto all’iscrizione al Servizio Sanitario Regionali dei richiedenti protezione internazionale.

Infatti il sito riporta quanto segue: “Alla luce delle modifiche introdotte dalla Legge 1 dicembre 2018, n. 132, in particolare,  tra le modifiche introdotte dal Decreto Sicurezza, vi è la previsione secondo la quale il permesso di soggiorno conseguente alla richiesta di protezione internazionale costituisce documento di riconoscimento ma non costituisce titolo per l’iscrizione anagrafica.

Tale modifica, chiarisce la circolare, non riguarda il diritto all’iscrizione al SSR dei richiedenti protezione internazionale.

Infatti, ai sensi dei vigenti TUI (art 34), del DPR n. 394/1999, dell’Accordo Stato Regioni 255 del 20/12/12, nonché della nota regionale n. 6770/ARS/ARS/P del 18/07/2014, ai fini dell’iscrizione, in assenza di residenza, si fa riferimento alla dichiarazione di effettiva dimora che è il domicilio dichiarato dalla persona al momento della formalizzazione della domanda di protezione internazionale.

La circolare precisa che il D.lgs 142/2015 (art. 5), così come modificato dalla nuova legge, garantisce espressamente ai richiedenti asilo “l’accesso ai servizi previsti dal D.lgs stesso ed anche a quelli «comunque erogati sul territorio» sulla base del domicilio dichiarato al momento della formalizzazione della domanda di riconoscimento della protezione internazionale.

Pertanto, i richiedenti protezione internazionale, compresi coloro che hanno fatto ricorso contro il diniego del riconoscimento dello stato di rifugiato, pur in assenza di residenza anagrafica, ma in possesso di codice fiscale numerico o alfa numerico e di documentazione che attesti lo stato di richiedente (cedolino, modulo C3, attestato nominativo, permesso di soggiorno o eventuale ricorso cartaceo) devono essere iscritti al SSR, per tutta la durata del permesso di soggiorno, rinnovabile e senza interruzione dell’assistenza, fino alla definizione della loro pratica (l’iscrizione non decade in fase di rinnovo del permesso di soggiorno).

La circolare chiarisce, inoltre, che è espressamente garantita l’iscrizione obbligatoria al SSR anche per i titolari delle nuove tipologie di permesso di soggiorno che hanno sostituito il permesso di soggiorno per motivi umanitari, compreso il permesso di soggiorno per “cure mediche” rilasciato ai sensi dell’articolo 19, comma 2, lettera d-bis del D.lgs 286/98″. Tale permesso non deve essere confuso con il permesso per cure mediche rilasciato ai sensi dell’articolo 36 del TUI “Ingresso e soggiorno per cure mediche”, che prevede il pagamento delle prestazioni sanitarie a carico dello straniero.

Infine, la circolare precisa che la legge n. 132/18 non ha apportato alcuna modifica all’articolo 35, comma 3 del TUI, relativo all’assistenza sanitaria agli stranieri irregolari, nei confronti dei quali continuano ad essere garantite le prestazioni sanitarie di cui necessitano e l’accesso ai servizi attraverso l’attribuzione del codice STP”.

 

Fonte: Regione Marche

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.