Home Attualità In arrivo a Gaza il primo studente Erasmus italiano
In arrivo a Gaza il primo studente Erasmus italiano

In arrivo a Gaza il primo studente Erasmus italiano

0

È in atto in questi giorni la missione di scambio tra lo staff amministrativo, docenti e non docenti dell’Università di Siena in Palestina. Si tratta del Programma Erasmus+ International Credit Mobility, coordinato dall’Università di Siena, che offre l’opportunità di borse di mobilità accademica per studenti, insegnanti e mobilità del personale tra istituti di istruzione superiore europei e Paesi partner non UE. Pertanto, è ormai prossimo l’arrivo a Gaza del primo studente italiano, iscritto a Medicina, nell’ambito del Progetto Erasmus+. La partecipazione di Gaza nel programma è fondamentale, visto il blocco che Israele attua da 12 anni sull’enclave palestinese. Così, dopo la partenza verso Siena di due studenti di Gaza, ora lo scambio diventa concreto.

Il programma prevede incontri di scambio sulle buone pratiche di gestione dei programmi di comunicazione e condivisione dei programmi didattici dei Dipartimenti, le lezioni previste nei diversi dipartimenti, gli scambi con gli studenti.

Le ragioni del progetto di mobilità fanno parte della strategia di internazionalizzazione sia dell’Ateneo senese che delle università palestinesi che hanno aderito all’invito di diverse università europee appartenenti al Coimbra Group, dove fu lanciato un programma di cooperazione con le università palestinesi, che erano state sottoposte a restrizioni e chiusure per ordine delle autorità militari.

I rettori e i presidenti di undici università europee (Barcellona, Coimbra, Granada, Krakow, Leiden, Leuven, Namur, Pisa, Salamanca, Siena e Viterbo) e di sei università palestinesi (Al Quds, An Najah National, Birzeit, Bethlehem, Gaza Islamic e Hebron) firmarono l’accordo per il lancio del Programme for Palestinian/European Academic Cooperation in Education (PEACE), basato sui principi del diritto all’educazione e alla cultura, proclamato dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948, e del diritto alla libertà accademica, definito dalla Magna Charta delle università europee del 1988.

Da allora, lo sviluppo di programmi di cooperazione e di scambio, sono andati avanti, con lo scopo di superare il rischio di isolamento che la Palestina corre sul piano economico, politico, sociale e culturale. In questo contesto le istituzioni culturali, e in particolare le Università, sono chiamate a svolgere un ruolo molto importante nell’aprire canali di scambio e di confronto culturale con il resto del mondo, e in particolare con l’Europa. Erasmus+ Program si svolge da tre anni tra l’Università di Siena e le Università palestinesi in Cisgiordania e Striscia di Gaza.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Never Alone, percorsi finalizzati all’autonomia di minori stranieri non accompagnati

Sono 65 organizzazioni, compresi 12 enti locali, in 6 diverse regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia) forniranno servizi mirati alla inclusione sociale e lavorativa di 500 minori stranieri non accompagnati e neo-maggiorenni entrati in Italia come MSNA. Sono le forze dispiegate per i nuovi 8 progetti avviati nell’ambito di Never Alone, l’iniziativa, lanciata nel 2015, che […]

Comitato Economico e Sociale Europeo: “I costi della non immigrazione e non integrazione”

Cambiare il discorso sulla migrazione e tornare ad un dibattito razionale basato sui fatti. I rifugiati e migranti andrebbero visti non come una minaccia ma come un’opportunità per il modello economico e sociale europeo. L’investimento nell’integrazione dei migranti costituisce la migliore assicurazione contro potenziali costi, tensioni e problemi in futuro. Sono questi, in sintesi, le […]

Il CoNNGI presenta il Manifesto delle Nuove Generazioni Italiane 2019

Il Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni Italiane (CoNNGI), associazione di promozione sociale nata nel 2017 nell’ambito delle attività della Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) con l’obiettivo di rappresentare in maniera unitaria tutti i giovani con background migratorio, presenta la nuova versione del suo Manifesto. Il Manifesto […]

Garante infanzia, circoncisioni rituali: “Siano più accessibili negli ospedali”

Da un lato sensibilizzare e informare i genitori e le comunità migranti, dall’altro assicurare le circoncisioni rituali in maniera uniforme e a prezzi accessibili nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Sono i due fronti sui quali il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza chiede al ministro della Salute di intervenire, anche per evitare nuove tragedie.  “La circoncisione rituale, pur priva di […]

Foad Aodi, Sri Lanka: “No alla guerra fra religioni”

Le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia), attraverso le parole di Foad Aodi, fondatore delle Co-mai e dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), condannano senza ambiguità e con forza gli attentati disumani, razzisti e anti festività religiose contro i cristiani in Sri Lanka causando quasi 300 […]

Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine

Dopo anni di calo, le rimesse fanno registrare una notevole impennata. Nel 2018 i migranti hanno infatti inviato dall’Italia ai propri Paesi d’origine 6,2 miliardi di euro, lo 0,35% del PIL e oltre il 20% in più rispetto al 2017. Il record di quasi 8 miliardi raggiunto nel 2011 è ancora ineguagliato, ma stupiscono le performance di alcune comunità asiatiche, […]

Stragi in Sri Lanka, il cordoglio di Lafram (UCOII)

“Atto vile e disumano in un giorno sacro per i fratelli cristiani” così Yassine Lafram, presidente dell’UCOII, ha definito sulla sua bacheca facebook gli attentati terroristici di ieri in Sri Lanka, esprimendo solidarietà ai familiari delle quasi 300 vittime ed a quelli degli oltre 500 feriti nelle esplosioni che hanno interessato chiese e hotel del […]