Home Attualità In arrivo a Gaza il primo studente Erasmus italiano
In arrivo a Gaza il primo studente Erasmus italiano

In arrivo a Gaza il primo studente Erasmus italiano

0

È in atto in questi giorni la missione di scambio tra lo staff amministrativo, docenti e non docenti dell’Università di Siena in Palestina. Si tratta del Programma Erasmus+ International Credit Mobility, coordinato dall’Università di Siena, che offre l’opportunità di borse di mobilità accademica per studenti, insegnanti e mobilità del personale tra istituti di istruzione superiore europei e Paesi partner non UE. Pertanto, è ormai prossimo l’arrivo a Gaza del primo studente italiano, iscritto a Medicina, nell’ambito del Progetto Erasmus+. La partecipazione di Gaza nel programma è fondamentale, visto il blocco che Israele attua da 12 anni sull’enclave palestinese. Così, dopo la partenza verso Siena di due studenti di Gaza, ora lo scambio diventa concreto.

Il programma prevede incontri di scambio sulle buone pratiche di gestione dei programmi di comunicazione e condivisione dei programmi didattici dei Dipartimenti, le lezioni previste nei diversi dipartimenti, gli scambi con gli studenti.

Le ragioni del progetto di mobilità fanno parte della strategia di internazionalizzazione sia dell’Ateneo senese che delle università palestinesi che hanno aderito all’invito di diverse università europee appartenenti al Coimbra Group, dove fu lanciato un programma di cooperazione con le università palestinesi, che erano state sottoposte a restrizioni e chiusure per ordine delle autorità militari.

I rettori e i presidenti di undici università europee (Barcellona, Coimbra, Granada, Krakow, Leiden, Leuven, Namur, Pisa, Salamanca, Siena e Viterbo) e di sei università palestinesi (Al Quds, An Najah National, Birzeit, Bethlehem, Gaza Islamic e Hebron) firmarono l’accordo per il lancio del Programme for Palestinian/European Academic Cooperation in Education (PEACE), basato sui principi del diritto all’educazione e alla cultura, proclamato dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948, e del diritto alla libertà accademica, definito dalla Magna Charta delle università europee del 1988.

Da allora, lo sviluppo di programmi di cooperazione e di scambio, sono andati avanti, con lo scopo di superare il rischio di isolamento che la Palestina corre sul piano economico, politico, sociale e culturale. In questo contesto le istituzioni culturali, e in particolare le Università, sono chiamate a svolgere un ruolo molto importante nell’aprire canali di scambio e di confronto culturale con il resto del mondo, e in particolare con l’Europa. Erasmus+ Program si svolge da tre anni tra l’Università di Siena e le Università palestinesi in Cisgiordania e Striscia di Gaza.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.