Home Attualità Giovanni Giuseppe Nicosia e “Il caso degli allievi pakistani”
Giovanni Giuseppe Nicosia e “Il caso degli allievi pakistani”

Giovanni Giuseppe Nicosia e “Il caso degli allievi pakistani”

0

Cultura matematica ed educazione – Il caso degli allievi pakistani è il titolo del libro scritto da Giovanni Giuseppe Nicosia in cui si spiega come gli studenti di cultura pakistana siano ormai una presenza importante nelle scuole italiane, in particolare nelle città maggiori del Centro e del Nord Italia ed in alcune particolari zone. Ma, in generale, gli insegnanti che li incontrano in classe sanno pochissimo di loro, delle loro aspettative e concezioni riguardo la scuola, la matematica e la didattica, degli aspetti fondamentali della loro cultura e delle interessantissime istanze matematiche che la caratterizzano.

Teatro di sviluppi tra i più importanti della storia del pensiero, la Regione che oggi è in parte inclusa nel territorio del Pakistan è stata attraversata da un’ingente moltitudine di popolazioni, latrici di elementi culturali tra i più diversi e impressionanti della storia umana. Lingue, culture, costumi, spiritualità, idee vi hanno trovato via via spazio ed occasioni di scontro o sintesi con le precedenti. La matematica che studiamo oggi nelle scuole di tutto il mondo è debitrice di questa storia, in cui si ritrovano la nascita o rilevanti momenti di evoluzione di quasi tutti i concetti matematici importanti. Di questa storia umana e scientifica si delineano i tratti salienti in questo libro.

Ma questo non è un libro di storia, bensì di etnomatematica, quella degli allievi di origine pakistana nelle scuole italiane, dei loro compagni e delle loro famiglie. Si forniscono dati sulla loro presenza in Italia e sull’organizzazione della scuola in Pakistan, si descrivono nel dettaglio i curricola matematici di quel Paese e si cerca di identificare le caratteristiche delle concezioni di scuola, di matematica e di didattica che in esso sono diffuse.

Chiude l’opera un tentativo di dare la parola agli studenti pakistani ed ad alcuni loro compagni che frequentavano, nell’anno scolastico 2017/18 un grande istituto tecnico e professionale di Bologna, con la testimonianza di tre conversazioni sulle loro aspettative, concezioni ed aspirazioni riguardo la scuola, la matematica e i loro progetti di vita.

BIOGRAFIA- Giovanni Giuseppe Nicosia è nato a Bologna, dove vive e lavora come insegnante di sostegno presso l’I.I.S. Aldini Valeriani. Collabora, inoltre, con l’Università di Bologna nella conduzione di laboratori di didattica della matematica e di didattica speciale in campo scientifico per allievi del corso di laurea di scienze della formazione primaria e nei corsi di abilitazione al sostegno per l’inclusione scolastica. Tiene corsi di didattica della matematica nel corso del master di primo livello dell’università telematica IUL. È membro del RSDDM (gruppo di Ricerca, Sperimentazione e Divulgazione della Didattica della Matematica), dell’ISGEm (International Study Group on Ethnomathematics) e del comitato direttivo provinciale della FLC-CGIL di Bologna. Ha svolto attività di divulgazione e ricerca nel campo dell’etnomatematica, della didattica della matematica e della didattica speciale in campo scientifico. Tra le sue pubblicazioni: Numeri e culture (Erickson, 2008), Cinesi, scuola e matematica (Lulu.com, 2010), Matematica e scuola in Cina, Corea e Giappone (Pitagora, 2016).

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.