Home Attualità Discriminazione e sfruttamento, vittime 3 giovani migranti e rifugiati su 10
Discriminazione e sfruttamento, vittime 3 giovani migranti e rifugiati su 10
0

Discriminazione e sfruttamento, vittime 3 giovani migranti e rifugiati su 10

0

Secondo i sondaggi di U-Report on the Move: “Solo un ragazzo su due – tra i giovani migranti e rifugiati intervistati – si sente accettato dai membri della comunità in cui vive. Uno su tre è stato vittima di discriminazione e, tra questi, il 71% a causa del colore della pelle. Il 17% ha dichiarato di essere stato vittima di violenza da quando è in Italia e Il 32% di aver subito violenze verbali. Uno su tre ha risposto di essere stato spinto a fare qualcosa che non voleva e il 15% dei ragazzi che ha lavorato ha dichiarato di aver svolto un lavoro pericoloso per la sua sicurezza o la salute. Questi alcuni dei dati resi noti dall’UNICEF e dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA) in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia (20 novembre).

U-Report on the Move è una piattaforma digitale sperimentata dall’UNICEF in oltre 40 Paesi (6 milioni di iscritti), che consente ai giovani migranti e rifugiati che si iscrivono di esprimere la propria opinione, in forma anonima, sulle tematiche per loro più rilevanti. In Italia, la piattaforma è stata lanciata dall’UNICEF nel 2017 a sostegno dei minorenni migranti e rifugiati e conta oltre 1.078 iscritti/U-reporters. Di questi il 93% sono ragazzi e il 7% ragazze, l’83% ha un’età compresa fra i 15 e i 19 anni, il 7% tra i 25 e i 30, il 4% tra i 20 e i 24, un altro 4% sopra i 31, il 2% tra gli 0 e i 14 anni. Le Regioni in cui si registra il maggior numero di iscritti sono Sicilia e Calabria, ma il progetto è attivo anche nel Lazio, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo, Molise e Campania. Registrandosi al canale tramite la pagina facebook, gli iscritti ricevono sondaggi bimestrali e possono a loro volta inviare messaggi quando vogliono condividere questioni che stanno loro particolarmente a cuore.

Dal maggio 2018 il progetto si avvale anche della collaborazione dell’AGIA, con la quale è stato stipulato un protocollo per diffondere l’uso di questa piattaforma digitale. L’obiettivo è sondare il livello di conoscenza che i minorenni hanno dei loro diritti e condividere informazioni utili per il loro percorso in Italia.

I sondaggi:

Gli ultimi cinque sondaggi di U-Report on the Move hanno toccato temi importanti, quali: il diritto alla protezione contro la discriminazione, alla protezione contro ogni forma di violenza e alla protezione contro ogni forma di sfruttamento; l’accesso al lavoro in Italia; la conoscenza del Paese d’accoglienza, le sue regole e usi.

1. Diritto alla protezione contro la discriminazione

Il 40% dei giovani migranti e rifugiati intervistati ha risposto di non sapere di avere diritto alla protezione contro la discriminazione;
solo il 50% si sente accettato dai membri della comunità in cui vive, il 29% non si sente accettato e il 21% ha risposto di non saperlo;
il 33% ha dichiarato di essere stato vittima di discriminazione, il 49% di non esserlo stato, il 18% di non saperlo;
sul motivo della discriminazione, il 72% ha indicato il colore della pelle, il 14% la nazionalità, il 5% il genere, il 7% la religione e il 2% l’orientamento sessuale;
rispetto al luogo in cui si è subito un atto di discriminazione, il 35% ha risposto a scuola, il 35% alla comunità, il 30% per strada o altri punti di ritrovo, nessuno ha risposto “a lavoro”;
in caso di discriminazione, il 29% di loro si è rivolto agli operatori del centro, il 10% al loro tutore, l’10% ai professori a scuola, il 6% agli amici, il 8% ha risposto “tutti i precedenti”, il 35%” nessuno dei precedenti”, il restante 2% non ha risposto;
il 77% degli intervistati ha risposto di non aver mai discriminato qualcuno perché diverso, il 14% ha risposto “non so”, l’8% ha risposto di aver discriminato.

2. Diritto alla protezione contro ogni forma di violenza

Il 42% dei giovani intervistati non sa di aver diritto alla protezione contro ogni forma di violenza;
il 17% ha dichiarato di essere stato vittima di violenza da quando è in Italia, il 60% di non esserlo stato, il 22% di non saperlo;
il 32% ha dichiarato di aver subito violenze verbali, il 53% di non averle subite, il 15% di non saperlo;
nel 38% dei casi gli episodi di violenza sono avvenuti per strada, nel 37% nel posto in cui vivono, nel 9% a scuola, nel 16% in altri punti di ritrovo;
alla domanda “chi ti ha aiutato o potrebbe aiutarti se succedesse?” il 21% ha risposto “gli operatori del centro dove vivo”, un altro 21% “i miei amici”, il 2% “membri della comunità”, il 7% “tutte le risposte”, il 12% “nessuna delle risposte”, il 26% “non so”;
secondo il 30% la punizione dei genitori sarebbe una forma di violenza accettabile, l’8% la accetterebbe in caso di conflitto col partner, lo 0% riterrebbe una violenza accettabile la punizione degli insegnanti e la violenza nei confronti di chi non lo ascolta, per il 14% tutte queste opzioni sarebbero accettabili, per il 37% nessuna di queste opzioni sarebbe accettabile;
il 58% si sente al sicuro nel posto in cui vive, il 22% non si sente al sicuro e il 20% non lo sa.

3. Diritto alla protezione contro ogni forma di sfruttamento

il 56% dei partecipanti al sondaggio ha risposto di sapere di avere il diritto di esser protetto contro ogni forma di sfruttamento, il 16% ha risposto “no”, il 28% “non so”;
il 34% ha dichiarato di aver ricevuto attenzioni che lo hanno infastidito, il 40% di non averle subite, il 25% ha risposto “non so”;
il 31% ha dichiarato di essere stato spinto a fare qualcosa che non voleva. Di questi, il 51% ha risposto che non sapeva a chi rivolgersi per chiedere aiuto;
il 54% dei partecipanti ha risposto di non avere nessuno a cui rivolgersi per chiedere aiuto.

4. L’accesso al lavoro in Italia

alla domanda “sai quanti anni devi avere per iniziare a lavorare in Italia?” il 28% ha risposto “16 anni”, il 33% “18 anni”, il 20% “no” e il 18% “maggiorenne, a parte alcuni casi”.
alla domanda “hai mai lavorato da quando sei in Italia?” il 24% ha risposto “sì”, il 76% “no”. Di questi, per fascia di età, dai 0 ai 14 anni il 33% ha risposto “sì”, fra i 15 e i 19 questa percentuale si abbassa al 19%, mentre dai 20 in su il 100% ha risposto di aver lavorato da quando è arrivato in Italia;
di coloro che hanno risposto di aver lavorato, il 34% aveva un contratto regolare, il 59% non lo aveva, il 7% ha risposto di non saperlo. Solo il 40% ha risposto di aver percepito un compenso regolare; Il 15% ha risposto che il lavoro era pericoloso per la sua sicurezza o salute, il 68% che non lo era, il 18% di non saperlo.
il 22% ha risposto che accetterebbe un lavoro sottopagato o pericoloso, il 45% “no”, il 33% “non so”.

5. La mia conoscenza dell’Italia, le sue regole e usi

il 41% ha risposto di avere avuto difficolta ad ambientarsi alla nuova situazione in Italia, il 28% ha risposto di no, il 31% “qualche volta”;
alla domanda “Hai una buona conoscenza delle leggi italiane?” il 38% ha risposto “sì”, il 36% “no”, il 26% “forse”;
alla domanda “Conosci gli usi e costumi comuni italiani?” il 21% ha risposto “sì”, il 50% “no”, il 29% “forse”;
il 49% dei partecipanti ha risposto di seguire con facilita gli usi e costumi comuni italiani, il 29% ha risposto “no”, il 23% “qualche volta”;
alla domanda “Riesci a seguire gli usi e costumi della tua cultura, in Italia?” il 28% ha risposto “sì”, il 49% “no”, il 23% “non so”. Il 41% ha risposto di sentirsi a suo agio con i suoi coetanei italiani, il 37% “no”, il 22% “qualche volta”.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Daily Muslim, parte la sezione “Finanza Islamica”

Partirà martedì 23 giugno, all’interno del nostro giornale, la sezione dedicata all’economia e alla finanza islamica. Si parlerà di notizie provenienti da tutto il mondo sul settore Economico, commercio, Import-Export, Halal, Travel e Finanza Islamica, sotto la nuova sezione dedicata “Finanza islamica”.

Dubai, Nuova legge sugli alcolici

E’ della scorsa settimana, la nuova legge nel regno degli Emirati Arabi Uniti, che disciplina il consumo e l’acquisto degli alcolici all’interno del paese. Esso è consentito solo ai turisti che ne fanno espressamente richiesta una volta scesi all’aeroporto, i quali riceveranno una card che li abiliterà agli acquisti solo in determinati negozi fuori dagli […]

Pakistani e cinesi, sono le comunità che hanno più scambi lavorativi nel nostro Paese

Secondo i dati dell’Associazione Nazionale Italia Pakistan, le due comunità che più collaborano lavorativamente parlando, tra loro, nel nostro paese, sono i cittadini di origine pakistana e cinese. Infatti non è difficile vedere, sopratutto al centro sud, attività commerciali gestite da cinesi, ma con dipendenti pakistani. Principalmente sono attività di abbigliamento, oggettistica, bigiotteria e ristoranti, […]

Mercato mondiale del turismo in Medio Oriente, previsto un aumento tra il 6% e l’8% entro il 2030

L’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) prevede che gli arrivi di turisti internazionali raggiungeranno 1,8 miliardi di persone all’anno entro il 2030. A quel punto, secondo un’indagine del dipartimento di intelligence del mercato della Camera di commercio Arabo-Brasiliana, la quota di mercato del Medio Oriente dovrebbe passare dal 6% all’8%, quindi a circa 150 milioni di […]

Malesia, gli esperti consigliano un supporto spirituale musulmano all’interno degli ospedali

Il medico che ha istituito una delle prime “cappellanie musulmane” e di altre religioni in un ospedale malese ha invitato i fornitori di servizi sanitari in tutto il paese ad adottare un simile sistema di sostegno spirituale. Il suo invito richiama un suggerimento fatto di recente da uno dei principali pensatori della finanza islamica del […]

Il nuovo mercato HalalHoliday cattura gli agenti di viaggio digitali offline

I viaggi per i musulmani hanno una nuova piattaforma di prenotazione online con il lancio giovedì di HalalHoliday a Kuala Lumpur. Ma, a differenza della maggior parte degli altri servizi digitali, questa soluzione unisce la tecnologia con il commercio di viaggi offline. Il sito è stato fondato da Ab Rahman Mohd Ali, dirigente di una […]

India/Pakistan: progressi positivi del Pakistan, in un meeting in India

Il secondo turno di colloqui tra Pakistan e India sul corridoio di Kartarpur, un passaggio di confine chiave per pellegrini sikh, si è concluso domenica con sviluppi positivi, hanno dichiarato funzionari pakistani. Il secondo round di colloqui tra il Pakistan e i funzionari indiani si è tenuto domenica al confine di Wagah. La delegazione pakistana […]