Home Omar Camiletti Body, mind and soul: tutt’uno nell’Islam
Body, mind and soul: tutt’uno nell’Islam

Body, mind and soul: tutt’uno nell’Islam

0

Una delle peculiarità dell’Islam, probabilmente fra le meno rilevate da chi scruta – a vario titolo- il mondo islamico, consiste nella fusione, nella sfera personale di ciascun credente, delle componenti che invece la tradizione occidentale ha considerato a lungo separati ovvero  corpo  mente e anima, “body, mind and soul”, come dicono gli anglofoni. Infatti, l’importanza dei vari aspetti della corporeità è attestata dal suo coinvolgimento nei riti e nei tratti universali delle culture particolari dei Paesi islamici.

L’Islam è uno stile di vita completo, che oggi si potrebbe definire olistico. Del resto, lo stesso termine islam andrebbe meglio tradotto, più che con la consueta e fuorviante sottomissione, con quella più consona di accettazione, armonizzazione con la volontà del Creatore.

I musulmani devono prestar decisamente attenzione allo stato di salute del proprio corpo. A tal fine, possiamo notare come i movimenti eseguiti nella preghiera (lo stare eretti, l’inchino ruku e il prosternarsi, il sujud), ripetuti almeno 5 volte al giorno, assurgono a quegli esercizi di motilità che i medici consigliano a tutte le età. La postura e un altro elemento messo in risalto nella tradizione islamica: dal come accomodarsi di fronte al cibo, al come sedersi ascoltando il sermone del Venerdì.

Degli effetti benefici del digiuno durante il mese di Ramadan (è raccomandato anche di farlo periodicamente in vari giorni per il resto dell’anno), pochi al giorno d’oggi possono contestarne la validità. Il decreto divino di interdire la carne di maiale e i suoi derivati, cosi come evitare l’assunzione di bevande fermentate (alcol e superalcolici) sono considerati a livello salutistico dei risultati per il benessere non solo dell’individuo, ma anche socialmente assai positivi.

L’alimentazione Halal (lecita) che prevede la macellazione di rito degli animali e’ un altro esempio di come la dimensione religiosa nell’Islam non si debba limitare allo ‘spirito” ma investe l’alimentazione. Tuttavia “halal” non può essere solo una etichetta ; è un compito dei musulmani che si assumono la garanzia e la custodia del benessere degli altri consumatori musulmani,  verificare tutta la filiera della produzione col brand “halal” – e che purtroppo non e’ esente da frodi – dallo stato degli allevamenti, alle condizioni del trasporto fino alla immolazione e alla conservazione nel punto vendita. Come si apprende dal libro Tibb anNabi (la medicina del Profeta) halal wa tayyb, lecito e sano.( ma su tutti questi argomenti, inchallah, si ritornerà in questo blog)

La purificazione (wudu e ghusl) e la cura per l’igiene, fino al preciso dovere per i credenti di emanare un buon profumo, costituiscono i preziosi insegnamenti indicati nel Corano e nella Sunna; la raccolta dei detti e dei comportamenti del Profeta (su di lui pace e benedizione). La respirazione, ossia la buona respirazione è presa in esame in tutte le altre religioni, nell’islam, oltre a quanto sopra scritto, molti riti – fra cui quelli del Pellegrinaggio alla Mecca- implicano lo sforzo di ambulazioni (il camminare). L’essere umano su questo pianeta è il reggente per conto di Allah, il khalifa. Occorre la massima attenzione. La verità – al Haqq – è sopragiunta e al Batil, la sua falsa imitazione, non va da nessuna parte. Ciò che è menzogna non può che sparire. (Corano 17-81)

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Dal 5 aprile operativo l’Istanbul Airport, uno dei più grandi al mondo

Viene chiamato il “grande trasferimento” e sarà un cambiamento epocale, infatti la compagnia aerea Turkish Airlines ha comunicato che tutti i voli diretti all’aeroporto Atatürk saranno smistati a nuovo scalo Istanbul Airport nella giornata di venerdì 5 aprile dalle ore 3:00 alle 23:59 di sabato 6. Una volta aperto il nuovo scalo, l’aeroporto Atatürk verrà chiuso ai voli […]

Milano: premiazione progetto Welcome. Working for refugee integration

Si terrà domani a Milano, giovedì 21 marzo, a partire dalle 15:30,  l’evento di premiazione del Progetto “Welcome. Working for refugee integration” presso Assolombarda. Welcome è il riconoscimento che l’Agenza ONU per i Rifugiati (UNHCR) assegna annualmente alle aziende che si sono distinte nel favorire l’inserimento professionale dei rifugiati e nel sostenere il loro processo […]

Torino: convegno sulle seconde generazioni

“Seconde generazioni all’appello” è il tema di un convegno in programma questa mattina a Torino, presso il Collegio Carlo Alberto in Piazza Arbarello, 8. L’evento è stato organizzato dalla Regione Piemonte, Ires Piemonte,  AICCRE Piemonte e FIERI.  Nel dibattito pubblico ancora poco spazio è dedicato a quella ampia quota di giovani con background migratorio, spesso nati […]

Messina: Cristianesimo e Islam per una Città Plurale

Come riporta il sito della Caritas di Messina, continuano i cicli di incontri di dialogo tra la Comunità Islamica di Messina e l’Arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela, che rappresentata da Consulta delle Aggregazioni laicali, Caritas Diocesana, Ufficio Migrantes e Ufficio per il Dialogo interreligioso. Si terrà domani, 21 marzo, alle ore 18:00 un incontro […]

Ciclone in Mozambico, dall’Italia parte un volo umanitario

È emergenza per il passaggio del ciclone Idai in Mozambico. La Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Del Re ha disposto un volo umanitario della Cooperazione Italiana con partenza dalla base ONU UNHRD di Brindisi. Ad annunciarlo sono state l’Ambasciata Italiana a Maputo e la Agenzia Italiana per la Cooperazione allo […]

Piacenza, dal Prefetto solidarietà alla comunità islamica per le stragi

Dopo la veglia per le vittime degli attacchi alle moschee in Nuova Zelanda organizzata per domenica scorsa, a Piacenza il Prefetto Maurizio Falco ha espresso la volontà di visitare tutte le comunità islamiche di quel territorio in segno di vicinanza e partecipazione al dolore seguito ai gravi fattio di Christhchurch. Una dimostrazione di solidarietà che […]

Corpi civili di pace in Italia e all’estero, parte il bando per 130 ragazzi

È stato pubblicato il bando per selezionare 130 volontari in 25 progetti dei Corpi Civili di Pace da realizzarsi in Italia (18 volontari) e all’estero (112 volontari). Il bando scadrà il prossimo 8 aprile 2019.  Cliccare il seguente link per accedere al bando.