Home Mufti Muhammad Umer I musulmani che vivono in Europa possono partecipare alle elezioni e dare il loro voto a partiti politici non musulmani?
I musulmani che vivono in Europa possono partecipare alle elezioni e dare il loro voto a partiti politici non musulmani?

I musulmani che vivono in Europa possono partecipare alle elezioni e dare il loro voto a partiti politici non musulmani?

0

di Mufti Muhammad Umer

Per capire il problema menzionato bisogna comprendere alcune cose basilari.

  1. Che cos’è lo status religioso del voto?
  2. Qual è la regola religiosa per assegnare un voto?
  3. Che cosa significa lavorare per il miglioramento del benessere della collettività in obbedienza al Corano e alla Sunnah?

Voto è una parola derivata dalla lingua latina. Il suo corrispettivo arabo è “intekhab“.

In nazioni democratiche, dal voto dipendono l’elezione dei rappresentanti del parlamento, dell’assemblea, del comune e degli organi di governo locali.

Compiere questa funzione, quella di formare un governo, non esisteva all’epoca del Profeta, e perciò non è esplicitamente menzionata nel Corano o nella Sunnah.

Questo non significa che in linea di principio non ci siano molte linee guida nel Corano e nella Sunnah, in riguardo a tale pratica.

Come scritto sopra, il voto dipende da alcune condizioni presenti nel Corano e nella Sunnah.

1- La prima condizione è quella che il votante voti per una persona meritevole.

2- La seconda condizione è la testimonianza con cui il votante testifica la rappresentanza del candidato.

3- La terza condizione è quella dell’appoggio con cui il votante dà responsabilità di rappresentanza al candidato; quest’appoggio è direttamente relazionato ai diritti collettivi della popolazione.

In breve, il voto è sottoposto a tre condizioni: certificare, testificare e patrocinare.

Secondo il Santo Corano, la vera certificazione, la giusta testimonianza e il giusto appoggio hanno grandi benefici e ricompense. Allo stesso modo la falsa certificazione, testimonianza e un patrocinio errato sono peccati gravi.

Tenendo a mente lo status del voto, le direttive su come votare possono essere facilmente determinate, cioè è un grave peccato votare per una persona che non lo meriti. È invece un dovere religioso per tutti i musulmani votare per una persona giusta e onesta. Il Santo Corano scoraggia un’idea di una certificazione errata e invece incoraggia quella vera e la rende obbligatoria (wajib).

Nel Corano è detto esplicitamente che sia dovere di tutti i musulmani di non nascondere la vera certificazione e di appoggiare la giusta certificazione come obbligo assolutamente necessario in obbedienza alle Scritture: “surah at talaq versetto n° 2“.

In obbedienza al gran Mufti del Pakistan, Mufti Muhammad Shafi, non solo non è ammissibile che qualcuno non voti per un candidato ma è anche un elemento di oppressione dell’intera nazione se è onesto e giusto.

La costituzione degli stati Europei permette ai suoi cittadini di votare, di partecipare al processo delle elezioni come candidato o votante senza distinzione di etnia o lingua assicurando il rispetto dei diritti umani basilari. Ugualmente si poggia sulla struttura sociale basata su uguaglianza e fraternità. Non ostacola la libertà di culto. Per questo, in un ambiente inclusivo, grazie al processo democratico ed elettorale, l’astensione dei musulmani dall’esercizio del diritto di voto non è ragionevole perché i Musulmani d’Europa devono lottare per i diritti umani con i loro compatrioti in accordo con la Sunnah e il Santo Profeta. Il nostro amato Santo Profeta ha lavorato senza tregua con gli umanisti e i non musulmani per il miglioramento delle loro nazioni.

Con l’accordo Hilful Fadul, ove in gioventù il Profeta ha giocato un ruolo significativo, si mostra come la formazione e la costituzione della città santa di Madinah (meesaq e Madina) con le direttive del Corano, siano state prove incontrovertibili.

Il primo proposito era il benessere della gente comune. Ha lottato per terminare la tirannia e l’ingiustizia lavorando con i suoi compatrioti umanitari non musulmani. E per l’occasione durante il suo soggiorno nella città di Madinah ha orgogliosamente discusso di quest’accordo con i suoi compagni. Disse: “Io ho preso parte a un accordo in questi tempi di ignoranza in casa di Abdullah Bin Judaan se mi avessero regalato dei cammelli al posto di fare questo accordo, non li avrei accettati, e se sarò invitato di nuovo a qualcosa del genere parteciperò di nuovo.

(Al Bidaya wal Nihaya volume n° 2 pagina 355).

Durante la formazione dello stato di Madinah, il Profeta dell’Islam ha unito i musulmani ai non Musulmani, questo per stabilire un sistema dove fossero rispettati i basilari diritti umani e per eliminare indiscriminatamente la tirannia e la divisione tra le classi.

Il profeta Joseph, venerato da Musulmani, Cristiani ed Ebrei,  ha a sua volta lavorato come consulente finanziario nella consulta per un re che aveva un credo religioso differente.

In conclusione, i Musulmani che vivono in Europa dovrebbero prendere parte al processo elettorale assieme al processo di welfare, così facendo aprono anche la strada a un futuro migliore dei Musulmani che vivono in quei Paesi. Ugualmente, dovrebbero astenersi da ogni attività che incoraggi estremismo e settarismo.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.