Home Mufti Muhammad Umer I musulmani che vivono in Europa possono partecipare alle elezioni e dare il loro voto a partiti politici non musulmani?
I musulmani che vivono in Europa possono partecipare alle elezioni e dare il loro voto a partiti politici non musulmani?

I musulmani che vivono in Europa possono partecipare alle elezioni e dare il loro voto a partiti politici non musulmani?

0

di Mufti Muhammad Umer

Per capire il problema menzionato bisogna comprendere alcune cose basilari.

  1. Che cos’è lo status religioso del voto?
  2. Qual è la regola religiosa per assegnare un voto?
  3. Che cosa significa lavorare per il miglioramento del benessere della collettività in obbedienza al Corano e alla Sunnah?

Voto è una parola derivata dalla lingua latina. Il suo corrispettivo arabo è “intekhab“.

In nazioni democratiche, dal voto dipendono l’elezione dei rappresentanti del parlamento, dell’assemblea, del comune e degli organi di governo locali.

Compiere questa funzione, quella di formare un governo, non esisteva all’epoca del Profeta, e perciò non è esplicitamente menzionata nel Corano o nella Sunnah.

Questo non significa che in linea di principio non ci siano molte linee guida nel Corano e nella Sunnah, in riguardo a tale pratica.

Come scritto sopra, il voto dipende da alcune condizioni presenti nel Corano e nella Sunnah.

1- La prima condizione è quella che il votante voti per una persona meritevole.

2- La seconda condizione è la testimonianza con cui il votante testifica la rappresentanza del candidato.

3- La terza condizione è quella dell’appoggio con cui il votante dà responsabilità di rappresentanza al candidato; quest’appoggio è direttamente relazionato ai diritti collettivi della popolazione.

In breve, il voto è sottoposto a tre condizioni: certificare, testificare e patrocinare.

Secondo il Santo Corano, la vera certificazione, la giusta testimonianza e il giusto appoggio hanno grandi benefici e ricompense. Allo stesso modo la falsa certificazione, testimonianza e un patrocinio errato sono peccati gravi.

Tenendo a mente lo status del voto, le direttive su come votare possono essere facilmente determinate, cioè è un grave peccato votare per una persona che non lo meriti. È invece un dovere religioso per tutti i musulmani votare per una persona giusta e onesta. Il Santo Corano scoraggia un’idea di una certificazione errata e invece incoraggia quella vera e la rende obbligatoria (wajib).

Nel Corano è detto esplicitamente che sia dovere di tutti i musulmani di non nascondere la vera certificazione e di appoggiare la giusta certificazione come obbligo assolutamente necessario in obbedienza alle Scritture: “surah at talaq versetto n° 2“.

In obbedienza al gran Mufti del Pakistan, Mufti Muhammad Shafi, non solo non è ammissibile che qualcuno non voti per un candidato ma è anche un elemento di oppressione dell’intera nazione se è onesto e giusto.

La costituzione degli stati Europei permette ai suoi cittadini di votare, di partecipare al processo delle elezioni come candidato o votante senza distinzione di etnia o lingua assicurando il rispetto dei diritti umani basilari. Ugualmente si poggia sulla struttura sociale basata su uguaglianza e fraternità. Non ostacola la libertà di culto. Per questo, in un ambiente inclusivo, grazie al processo democratico ed elettorale, l’astensione dei musulmani dall’esercizio del diritto di voto non è ragionevole perché i Musulmani d’Europa devono lottare per i diritti umani con i loro compatrioti in accordo con la Sunnah e il Santo Profeta. Il nostro amato Santo Profeta ha lavorato senza tregua con gli umanisti e i non musulmani per il miglioramento delle loro nazioni.

Con l’accordo Hilful Fadul, ove in gioventù il Profeta ha giocato un ruolo significativo, si mostra come la formazione e la costituzione della città santa di Madinah (meesaq e Madina) con le direttive del Corano, siano state prove incontrovertibili.

Il primo proposito era il benessere della gente comune. Ha lottato per terminare la tirannia e l’ingiustizia lavorando con i suoi compatrioti umanitari non musulmani. E per l’occasione durante il suo soggiorno nella città di Madinah ha orgogliosamente discusso di quest’accordo con i suoi compagni. Disse: “Io ho preso parte a un accordo in questi tempi di ignoranza in casa di Abdullah Bin Judaan se mi avessero regalato dei cammelli al posto di fare questo accordo, non li avrei accettati, e se sarò invitato di nuovo a qualcosa del genere parteciperò di nuovo.

(Al Bidaya wal Nihaya volume n° 2 pagina 355).

Durante la formazione dello stato di Madinah, il Profeta dell’Islam ha unito i musulmani ai non Musulmani, questo per stabilire un sistema dove fossero rispettati i basilari diritti umani e per eliminare indiscriminatamente la tirannia e la divisione tra le classi.

Il profeta Joseph, venerato da Musulmani, Cristiani ed Ebrei,  ha a sua volta lavorato come consulente finanziario nella consulta per un re che aveva un credo religioso differente.

In conclusione, i Musulmani che vivono in Europa dovrebbero prendere parte al processo elettorale assieme al processo di welfare, così facendo aprono anche la strada a un futuro migliore dei Musulmani che vivono in quei Paesi. Ugualmente, dovrebbero astenersi da ogni attività che incoraggi estremismo e settarismo.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Daily Muslim, parte la sezione “Finanza Islamica”

Partirà martedì 23 giugno, all’interno del nostro giornale, la sezione dedicata all’economia e alla finanza islamica. Si parlerà di notizie provenienti da tutto il mondo sul settore Economico, commercio, Import-Export, Halal, Travel e Finanza Islamica, sotto la nuova sezione dedicata “Finanza islamica”.

Dubai, Nuova legge sugli alcolici

E’ della scorsa settimana, la nuova legge nel regno degli Emirati Arabi Uniti, che disciplina il consumo e l’acquisto degli alcolici all’interno del paese. Esso è consentito solo ai turisti che ne fanno espressamente richiesta una volta scesi all’aeroporto, i quali riceveranno una card che li abiliterà agli acquisti solo in determinati negozi fuori dagli […]

Pakistani e cinesi, sono le comunità che hanno più scambi lavorativi nel nostro Paese

Secondo i dati dell’Associazione Nazionale Italia Pakistan, le due comunità che più collaborano lavorativamente parlando, tra loro, nel nostro paese, sono i cittadini di origine pakistana e cinese. Infatti non è difficile vedere, sopratutto al centro sud, attività commerciali gestite da cinesi, ma con dipendenti pakistani. Principalmente sono attività di abbigliamento, oggettistica, bigiotteria e ristoranti, […]

Mercato mondiale del turismo in Medio Oriente, previsto un aumento tra il 6% e l’8% entro il 2030

L’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) prevede che gli arrivi di turisti internazionali raggiungeranno 1,8 miliardi di persone all’anno entro il 2030. A quel punto, secondo un’indagine del dipartimento di intelligence del mercato della Camera di commercio Arabo-Brasiliana, la quota di mercato del Medio Oriente dovrebbe passare dal 6% all’8%, quindi a circa 150 milioni di […]

Malesia, gli esperti consigliano un supporto spirituale musulmano all’interno degli ospedali

Il medico che ha istituito una delle prime “cappellanie musulmane” e di altre religioni in un ospedale malese ha invitato i fornitori di servizi sanitari in tutto il paese ad adottare un simile sistema di sostegno spirituale. Il suo invito richiama un suggerimento fatto di recente da uno dei principali pensatori della finanza islamica del […]

Il nuovo mercato HalalHoliday cattura gli agenti di viaggio digitali offline

I viaggi per i musulmani hanno una nuova piattaforma di prenotazione online con il lancio giovedì di HalalHoliday a Kuala Lumpur. Ma, a differenza della maggior parte degli altri servizi digitali, questa soluzione unisce la tecnologia con il commercio di viaggi offline. Il sito è stato fondato da Ab Rahman Mohd Ali, dirigente di una […]

India/Pakistan: progressi positivi del Pakistan, in un meeting in India

Il secondo turno di colloqui tra Pakistan e India sul corridoio di Kartarpur, un passaggio di confine chiave per pellegrini sikh, si è concluso domenica con sviluppi positivi, hanno dichiarato funzionari pakistani. Il secondo round di colloqui tra il Pakistan e i funzionari indiani si è tenuto domenica al confine di Wagah. La delegazione pakistana […]