Home Attualità Il “Progetto Aisha” per le donne musulmane
Il “Progetto Aisha” per le donne musulmane

Il “Progetto Aisha” per le donne musulmane

0

Amina Natasha El Zeer e Wafaa sono rispettivamente vicepresidente e socia del Progetto Aisha di Milano. Grazie alle loro informazioni cerchiamo di far conoscere ai nostri lettori cosa sia questo progetto che ha riscosso successo e ottenuto l’approvazione di tutte le comunità musulmane presenti sul territorio della Lombardia. 

Perché nasce Progetto Aisha?
Progetto Aisha nasce in grembo alla comunità musulmana, con l’obiettivo di rispondere ai bisogni di tutte quelle donne che si trovano al di fuori di un sistema di tutele proposto dai servizi territoriali milanesi. Le ragioni sono molteplici, tra cui le più rilevanti sono: barriere linguistiche e culturali, retaggi tradizionali, paura e timore della diffamazione, disapprovazione sociale e stigmatizzazione”. 

Quali gli obiettivi e la mission?
Progetto Aisha vuol offrire ogni strumento possibile per aiutare le donne a superare condizioni di violenza e discriminazione, con un focus particolare sulle donne musulmane. Noi ci battiamo per il riconoscimento del valore intrinseco della figura femminile, favorendo la sua libertà di scelta, la sua indipendenza sociale ed economica”.

Chi sono gli uomini e le donne che lavorano con Progetto Aisha?
Sono uomini e donne che hanno fatto formazione con professionisti (psicologici, avvocati e rete antiviolenza, ndr) per poter svolgere al meglio il loro lavoro”.

Che tipo di prevenzione e formazione prevede il Progetto?
Prevede corsi di formazione rivolti ai referenti volontari del Progetto e alla comunità islamica per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere. Sensibilizzazione nei confronti delle mutilazioni genitali femminili”.

Come può contattarvi una donna che ne ha bisogno?
Il primo contatto di solito è telefonico o vis à vis nei luoghi di ritrovo della comunità (nel caso di donne musulmane), oppure tramite i social network”.

Come seguite chi si affida a voi?
Oltre ai nostri dipartimenti con persone preparate, le donne seguite dalla nostra psicoterapeuta si recano presso l’Ospedale ‘San Carlo’. Molte donne quando ci chiedono aiuto sono già seguite dai CPS di zona, i Centri Psico-Sociali. Inoltre, in casi gravi, collaboriamo con il Nucleo Tutela Donne e Minori (NTDM) della Polizia Locale, che è una squadra di Polizia Giudiziaria”.

Ci parlate dei vostri progetti con l’aiuto delle Autorità Europee?
Collaboriamo con Action Aid per ‘Progetto AFTER – Against FGM/C Trough Empowerment and Rejection’, per prevenire le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF) nell’Unione Europea attraverso il protagonismo delle donne migranti. Abbiamo anche la collaborazione con Albero della Vita per ‘Progetto CHAT Changing Attitude. Fostering dialogue to prevent FGM’, un progetto co-finanziato dal programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza dell’Unione Europea”.

Gli uomini che collaborano con voi cosa pensano quando si trovano ad affrontare dei casi? E quante donne hanno beneficiato del vostro aiuto?
Spesso si vergognano dei fatti accaduti ed è proprio per questo che offrono il loro aiuto al Progetto. Le donne, dal 2016 ad oggi, sono state circa 75”.

Come ha risposto la comunità musulmana al Progetto Aisha?
Ha risposto bene. Spesso le donne scoprono dell’esistenza del progetto grazie al passaparola tra i fratelli e le sorelle. Ad oggi abbiamo inoltre piena collaborazione da parte dell’Associazione italiana degli imam e guide religiose. Spesso sono gli stessi imam o i dirigenti di associazioni islamiche a indirizzare le donne a noi”.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Never Alone, percorsi finalizzati all’autonomia di minori stranieri non accompagnati

Sono 65 organizzazioni, compresi 12 enti locali, in 6 diverse regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia) forniranno servizi mirati alla inclusione sociale e lavorativa di 500 minori stranieri non accompagnati e neo-maggiorenni entrati in Italia come MSNA. Sono le forze dispiegate per i nuovi 8 progetti avviati nell’ambito di Never Alone, l’iniziativa, lanciata nel 2015, che […]

Comitato Economico e Sociale Europeo: “I costi della non immigrazione e non integrazione”

Cambiare il discorso sulla migrazione e tornare ad un dibattito razionale basato sui fatti. I rifugiati e migranti andrebbero visti non come una minaccia ma come un’opportunità per il modello economico e sociale europeo. L’investimento nell’integrazione dei migranti costituisce la migliore assicurazione contro potenziali costi, tensioni e problemi in futuro. Sono questi, in sintesi, le […]

Il CoNNGI presenta il Manifesto delle Nuove Generazioni Italiane 2019

Il Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni Italiane (CoNNGI), associazione di promozione sociale nata nel 2017 nell’ambito delle attività della Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) con l’obiettivo di rappresentare in maniera unitaria tutti i giovani con background migratorio, presenta la nuova versione del suo Manifesto. Il Manifesto […]

Garante infanzia, circoncisioni rituali: “Siano più accessibili negli ospedali”

Da un lato sensibilizzare e informare i genitori e le comunità migranti, dall’altro assicurare le circoncisioni rituali in maniera uniforme e a prezzi accessibili nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Sono i due fronti sui quali il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza chiede al ministro della Salute di intervenire, anche per evitare nuove tragedie.  “La circoncisione rituale, pur priva di […]

Foad Aodi, Sri Lanka: “No alla guerra fra religioni”

Le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia), attraverso le parole di Foad Aodi, fondatore delle Co-mai e dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), condannano senza ambiguità e con forza gli attentati disumani, razzisti e anti festività religiose contro i cristiani in Sri Lanka causando quasi 300 […]

Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine

Dopo anni di calo, le rimesse fanno registrare una notevole impennata. Nel 2018 i migranti hanno infatti inviato dall’Italia ai propri Paesi d’origine 6,2 miliardi di euro, lo 0,35% del PIL e oltre il 20% in più rispetto al 2017. Il record di quasi 8 miliardi raggiunto nel 2011 è ancora ineguagliato, ma stupiscono le performance di alcune comunità asiatiche, […]

Stragi in Sri Lanka, il cordoglio di Lafram (UCOII)

“Atto vile e disumano in un giorno sacro per i fratelli cristiani” così Yassine Lafram, presidente dell’UCOII, ha definito sulla sua bacheca facebook gli attentati terroristici di ieri in Sri Lanka, esprimendo solidarietà ai familiari delle quasi 300 vittime ed a quelli degli oltre 500 feriti nelle esplosioni che hanno interessato chiese e hotel del […]