Home Attualità Luya Moda, il modest fashion Made in Italy
Luya Moda, il modest fashion Made in Italy

Luya Moda, il modest fashion Made in Italy

0

Luya Moda è una casa di moda italiana del modest fashion con sede in Inghilterra, che disegna abiti non solo per donne musulmane, ma anche per tutte quelle donne che vogliono sentirsi comode e libere di indossare determinati capi di abbigliamento.

L’Italia è la terza nazione manifatturiera di creazione e confezionamento per la modest fashion al mondo; è invece un po’ più indietro come consumo al dettaglio“, afferma Francesca Iman Cocconi, la titolare, in un’intervista che abbiamo realizzato appositamente per presentare le sue creazioni che poi aggiunge: “I miei colori preferiti sono quelli chiari, voglio seguire il mio sogno“.

Francesca, da anni nel campo della moda, si è specializzata in Italia e nel Regno Unito ed ha frequentato un’accademia in Kuwait nella quale ha potuto conoscere meglio cosa vogliono indossare le donne.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Spagna: l’Halal Institute si spinge fino all’ America centrale ed ai Caraibi

Il mercato alimentare Halal offre un’eccellente opportunità alle aziende centroamericane e caraibiche, leader mondiali nella produzione ed esportazione di alcuni prodotti biologici come banane, cacao o caffè, per internazionalizzare e diversificare le proprie esportazioni. La certificazione Halal consente l’accesso a un mercato ricco di opportunità, del valore di 1,3 miliardi di dollari, e composto da […]

Arabia Saudita: Più di 54.000 pellegrini haji sbarcano grazie al sistema rapido di sgombero

54.453 pellegrini haj sono arrivati in Arabia Saudita nella prima metà di luglio sul programma di sgombero rapido “Makkah Road“, ha riferito lunedì l’agenzia di stampa di stato SPA. I pellegrini sono arrivati su 135 voli dai paesi partecipanti Pakistan, Bangladesh, Indonesia e Malesia dal primo all’undicesimo del mese islamico di Dhu Al-Qidah, che equivale […]

Giordania – Italia. A breve la firma per il Turismo Halal in Italia

Sarà firmata a fine luglio da Khaled Safran in Giordania, l’accordo con uno dei più grossi Tour Operator giordani per lo sviluppo del turismo Halal – Muslim Friendly in Italia. Infatti l’accordo prevede la collaborazione per il potenziamento del turismo Halal nel nostro Paese tramite un Tour Operator locale, specializzato per il Medio Oriente e […]

Firenze, Giovani Musulmani organizzano il “Pic Nic Party”

Si terrà domenica 21 luglio, alle ore 16, presso il Giardino dell’Orticoltura a Firenze, il “Pic Nic Party”, organizzato dai Giovani Musulmani di Firenze. DI seguito il comunicato integrale dalla pagina social: “AssalamuAleikom a tutti!! Se vi fosse mancato il gmi non vi preoccupate, abbiamo organizzato un incontro diverso dagli altri proprio per goderci una giornata […]

Agenda 2030, ” Il ruolo delle migrazioni per uno sviluppo sostenibile”

Del “Ruolo delle migrazioni per uno sviluppo sostenibile” si è parlato lo scorso 13 luglio a Montepulciano nell’ambito della manifestazione Luci sul Lavoro, in un evento organizzato dalla Direzone Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con Anpal Servizi spa. È stata l’occasione per discutere delle nuove sfide del co-sviluppo alla luce dell’Agenda […]

Bologna, Summit nazionale delle diaspore con imprenditori e associazioni migranti

Un confronto tra imprenditori, attori dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo ed enti locali è quello che si terrà a Bologna il 20 luglio 2019, presso il Centro Interculturale Zonarelli. Obiettivo: far conoscere e valorizzare l’apporto dell’imprenditoria migrante nei progetti di Sviluppo internazionale. L’evento, organizzato nell’ambito del progetto “Summit nazionale delle Diaspore” in collaborazione con il Comune di Bologna e […]

Brunei: per rilanciare l’economia, il Giappone esorta il paese a ratificare il CPTPP, l’accordo di libero scambio, in tutto il Pacifico

Il governo giapponese sta sollecitando il Brunei a ratificare l’accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP) appena possibile, in quanto rimane uno dei quattro paesi che devono ancora farlo. L’accordo commerciale a livello del Pacifico coinvolge 11 paesi che rappresentano il 13,4 percento del PIL globale, rendendolo il terzo patto di libero scambio […]