Home Attualità Il divorzio islamico in Italia, il problema delle donne
Il divorzio islamico in Italia, il problema delle donne

Il divorzio islamico in Italia, il problema delle donne

0

In Italia la celebrazione del matrimonio islamico è estremamente semplice, ma quando le cose si complicano, si registrano problemi soprattutto per le donne. Secondo la Shar’ia, quando un uomo vuol divorziare dalla moglie, si applica il Talàq che dà diritto di porre fine al matrimonio mediante una dichiarazione verbale o scritta, per un massimo di tre volte, mentre per la donna che richiede la khula c’è bisogno di un giudice (qāḍī) per poter sciogliere l’unione matrimoniale presso un tribunale.

Ma cosa avviene in Italia quando una donna vuole divorziare secondo il rito islamico? Se il matrimonio è stato celebrato all’estero e il marito non vuole dare il divorzio, si può risolvere tramite un esborso monetario non indifferente per pagare un legale che seguirà la pratica per sciogliere l’unione presso l’istituzione competente, mentre diventa un problema non indifferente se il matrimonio è stato celebrato il Italia, visto che non sono presenti istituzioni o figure giuridiche ad esso dedicate.

I casi che risaltano di più sono quelli di donne abbandonate dal marito che non dà più notizie o non ne vuole sapere di divorziare secondo il rito islamico, oppure che sono in condizioni da non voler più vivere con lui.

Si tratta di un problema che andrà ad espandersi nel tempo, soprattutto per il grande flusso migratorio che l’Italia sta registrando e per le coppie che hanno un partner straniero di fede musulmana. La mancanza di un concordato non aiuta, infatti, a risolvere questioni che, prima o poi, andranno affrontate e le donne che sono in grande difficoltà per sciogliere la propria unione matrimoniale, spesso hanno bisogno di andare in giro per l’Europa dove la comunità musulmana locale è più radicata ed hanno a disposizione tali figure (come in Inghilterra che hanno già istituzioni funzionanti e alcune risolvono casi all’estero).

Tuttavia il problema resta irrisolto per tutte quelle donne che rimangono “intrappolate in un matrimonio” e che non hanno nessun contatto o disponibilità di andare all’estero.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.