Home Attualità Apertura delle Moschee in Italia, un problema infinito
Apertura delle Moschee in Italia, un problema infinito

Apertura delle Moschee in Italia, un problema infinito

0

In Italia, com’è noto, non c’è un riconoscimento formale tra lo Stato italiano e l’Islam e la mancanza di un concordato dove vengano definite le linee guida per poter procedere all’apertura di una moschea provoca un enorme vuoto normativo non indifferente, che spesso e volentieri sfocia in problemi tra le Amministrazioni locali e l’Associazione Islamica che gestisce il luogo di culto, dove a pagare le conseguenze sono i fedeli.

Molti sono i casi in cui le diverse associazioni hanno riscontrato vari problemi come quelle di Milano in via Faà di Bruno, Roma, Mestre (Venezia), Cinisello Balsamo (Milano), Susegana (Treviso), ma la lista è ben più lunga. La motivazione principale è sempre la stessa: la struttura di preghiera è considerata “abusiva” proprio per la poca chiarezza delle norme sui Centri culturali islamici che, per “tecnicismi”, non sono riconosciuti come moschee, ma associazioni.

Per correttezza di informazione bisogna ricordare che alcune associazioni aprono i propri luoghi di culto in ex garage, sottoscala, negozi con vetrine oscurate, che non hanno i requisiti minimi per garantire la sicurezza di centinaia di fedeli intenti a pregare, mentre in altri luoghi, pur disponendo dei requisiti di legge, sorgono altre tipologie di problemi quali la destinazione d’uso incompatibile, violazione del vincolo di utilizzo dell’immobile adibito impropriamente a moschea in zone non classificate urbanisticamente come aree religiose e via dicendo.

Ben conosciuta è la cosiddetta legge anti-moschee in vigore in Lombardia e varata dal Governo regionale a guida Roberto Maroni, che ha suscitato non poche polemiche soprattutto tra il Comune di Milano e la Regione accusata di ostacolare il diritto di culto. Come già sostenuto, servono regole chiare, perché i musulmani in Italia possano rispettarle, ma che siano leggi giuste.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.